cerca

Vercelli

"Ricordiamo la strage del 12 maggio 1945"

Le considerazioni di Emanuele Pozzolo

Emanuele Pozzolo

Gentile direttore,
                      nella giornata odierna, da vercellesi, si ricorda la strage del maggio 1945 - un’esecuzione sommaria, avvenuta nella nostra città a guerra civile ampiamente conclusa - ad opera di alcuni partigiani della 182ª Brigata Garibaldi "Pietro Camana". Un gruppo di più di una cinquantina di ragazzi, donne e uomini aderenti alla ex Repubblica Sociale Italiana, vennero prelevati dallo stadio di Novara - allora adibito a campo di concentramento- e trasportati nel vercellese: senza alcun tipo processo e senza alcun tipo di ragione vennero brutalmente ammazzati. L'eccidio ebbe luogo in parte nel comune di Vercelli e in parte nel comune di Greggio tra il 12 ed il 13 maggio 1945: davanti all’ex ospedale psichiatrico di Vercelli molti furono maciullati, ancora vivi, sotto le ruote di alcuni autocarri. I resti mortali di questi esseri umani furono sotterrati nei campi adiacenti senza degna sepoltura: le famiglie delle vittime tuttora - a quasi un secolo di distanza da quei momenti - non hanno una tomba sulla quale pregare i loro morti. Da italiani e da vercellesi abbiamo il dovere morale di ricordare anche le pagine che sono state volutamente strappate dalla memoria della nostra storia patria".

Emanuele Pozzolo

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500