" />

cerca

Parola ai lettori

"Solidarietà per Andrea Borasio"

La lettera dell'ex sindaco Maura Forte

Computer

Solidarietà e condanna sono i sentimenti che emergono di fronte agli insulti diretti ad Andrea Borasio di Vercelli Notizie, alla grave minaccia di morte descritta in modo disgustoso e con una forte dose di odio interiore da parte di colui che ha utilizzato Facebook per inviare il messaggio. La minaccia inviata mediante i social è grave e rivolta a chi quotidianamente mantiene la pluralità di voci sui diversi argomenti che emergono a livello locale. E’ un segnale preoccupante, che non può essere sottovalutato, anche se fossero parole sfuggite per la facilità con cui sui social si attacca oramai tutto e tutti come se nulla fosse. L’informazione è un caposaldo della democrazia ed attaccarla o metterla in discussione è molto grave. “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli”, Così il professor Umberto Eco nel 2015, tacciava gli odiatori da tastiera che popolano ogni giorno i social network. Perché l’odio, la cattiveria, il disagio sono gli ingredienti che danno impulso a questi comportamenti, perdendo ogni freno inibitore di fronte ad una tastiera. Non permettiamo che Il silenzio possa avvolgere questo evento, esprimiamo tutti, cittadini, parti politiche e sociali, solidarietà e condanna, isolando chi utilizza questo comportamento. Non permettiamo che con le minacce si cerchi di intimidire chi sta seguendo con impegno e dedizione la propria attività, come Andrea Borasio, ma voglio ricordare anche Eraldo Botta, sindaco di Varallo che con un gesto ha voluto avviare una campagna vaccinale subendo pure lui gravi minacce.

Maura Forte

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500