cerca

Medici di famiglia

Vaccino antinfluenzale 2021 in Piemonte: si inizia dagli over 85

È iniziata in Piemonte la campagna vaccinale contro il virus dell’influenza

Vaccino antinfluenzale

Ha preso il via anche in Piemonte la campagna vaccinale 2021 contro il virus dell’influenza. Dallo scorso 14 ottobre, infatti, è possibile richiedere la somministrazione del vaccino antinfluenzale che, come sempre, potrà essere fatto dal proprio medico curante previo appuntamento o secondo le modalità organizzative previste dal medico stesso. 

Così come la terza dose di vaccino anti-covid-19, anche quello influenzale inizierà ad essere somministrato alle persone più anziane. Si parla, in tutta la regione Piemonte, di una platea di circa 150 mila over 85; le ditte fornitrici hanno già consegnato le dosi necessarie per questa fascia, attualmente in distribuzione presso le farmacie territoriali. Successivamente, la vaccinazione contro l’influenza interesserà le classi di età e le categorie previste dalle disposizioni nazionali:

  • over60;
  • bambini tra i 6 mesi e i 6 anni;
  • persone fragili;
  • personale sanitario;
  • donne in gravidanza e nel post partum;
  • ospiti di Rsa;
  • familiari di soggetti ad alto rischio;
  • addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo;
  • donatori di sangue;
  • personale che per motivi di lavoro è in contatto con animali.

Terminate le vaccinazioni dedicate ai soggetti più fragili, i medici inizieranno a vaccinare anche pazienti di tutte le altre fasce d’età e categorie. 

Come sottolineato nel comunicato emesso dalla Regione, sarà possibile somministrare il vaccino anti-influenzale insieme a quello anti-Covid con due distinte iniezioni nella stessa seduta. La co-somministrazione potrà avvenire negli studi dei medici che hanno aderito come vaccinatori anche alla campagna contro il covid-19. Il medico potrà controllare sulla piattaforma informatica se il proprio paziente ha già ricevuto la terza dose o ha già una prenotazione presso l’Asl.

La campagna vaccinale contro l’influenza in Piemonte

Dopo una campagna vaccinale 2020-2021 che ha interessato 935 mila persone, in aumento di 200 mila unità rispetto all’anno precedente, per la stagione 2021-2022 il Piemonte ha acquistato 1,1 milioni di dosi per un investimento pari a 9 milioni di euro. Le dosi sono state aggiudicate a 4 case farmaceutiche: sono inclusi 10 mila nuovi vaccini spray per i bambini e 40 mila nuove tipologie di vaccini per fragili e ultra fragili. 

Rispetto a molte altre regioni italiane, la campagna vaccinale in Piemonte è partita in anticipo. Oltre a rappresentare infatti uno strumento fondamentale per mettere ulteriormente in sicurezza la popolazione, il vaccino antinfluenzale è anche un modo per ridurre il rischio che i sintomi dell’influenza stagionale si sovrappongano a quelli del Covid, creando un ulteriore carico al sistema di tracciamento dei contagi. 

Come ricordano i sindacati dei medici di famiglia, l’influenza non è da sottovalutare in quanto continua ad essere un serio problema di sanità pubblica. I medici di medicina generale, invece, evidenziano come la vaccinazione influenzale non si concentri in poche settimane, ma duri alcuni mesi. È importante quindi non affollare gli studi medici ma attendere, in base alla categoria o fascia d’età di appartenenza, il momento più giusto per fissare l’appuntamento con il proprio medico curante. Per saperne di più, a questo link è possibile vedere il video sulla campagna vaccinale contro l’influenza in Piemonte. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500