cerca

formazione

Protocollo d'intesa tra Formater e Slow Food

L'iniziativa ha lo scopo di impreziosire il percorso formativo degli allievi

Formazione professionale: protocollo d'intesa Formater - Slow Food

Un protocollo d'intesa tra Formater, la storica agenzia formativa vercellese emanazione di Ascom Confcommercio, e
la Condotta di Vercelli di Slow Food, associazione no profit che promuove la cultura del cibo buono, pulito e giusto per tutti:  è stato stipulato mercoledì 14 settembre.

La partnership, nata sulla condivisione di obiettivi comuni e scaturita da una serie di incontri durante l’estate, ha lo scopo di impreziosire il percorso formativo degli allievi di Formater con focus tematici sui capisaldi della filosofia di Slow Food, la quale porta avanti, da sempre, un approccio innovativo all’educazione alimentare e del gusto basata sulla formazione dei sensi e sullo studio di tutti gli aspetti del cibo.
Formater, dal canto suo, ha tutta l’esperienza derivata dalle molteplici iniziative svolte nel settore dell’enogastronomia ed in particolare dalle 10 edizioni del corso triennale professionalizzante come ‘Operatore della Ristorazione – Allestimento sala e somministrazione piatti e bevande’.

Il corso, destinato a ragazzi fra i 14 e i 24 anni, si sofferma in particolare sulle tematiche legate al servizio di sala e bar, dalla caffetteria classica all’arte delle bevande miscelate.
L'iniziativa  è completamenta gratuita e quest’anno potrà avvalersi anche di questa collaborazione per rendere ancora più appetibili gli allievi rispetto al mondo del lavoro, in un settore che ha conosciuto una forte battuta d’arresto a causa del Covid ed è in grado di assorbire ampi numeri di risorse umane, oltre ad essere uno dei più stimolanti ed appassionanti del panorama
lavorativo. (Per informazioni e iscrizioni è necessario prenotare al numero 0161.213077).

“E' un'opportunità da cogliere per dare ai nostri studenti una formazione di qualità ancora superiore” commenta il direttore di Formater Marco Barasolo.
Anche per Massimo Bignardi, fiduciario di Slow Food è un'importante occasione: “Ci interessa entrare in un progetto educativo nelle scuole - afferma - e crediamo che il cibo sia lo strumento ideale per sperimentare e promuovere un’educazione articolata e creativa, che dia valore alle interconnessioni, all’ambiente e al bene comune"

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500