cerca

guerra russia-ucraina

Vercelli: lacrime, canzoni e slogan alla manifestazione per la pace

A parco Kennedy

Vercelli: lacrime, canzoni e slogan alla manifestazione per la pace

“Deve essere tutto falso e inconsistente se migliaia d’anni e di civiltà non sono riusciti a impedire che questi fiumi di sangue scorressero”: è una citazione dello scrittore Erich Maria Remarch. Questa mattina, sabato 26 febbraio, la si poteva leggere su un cartello che teneva in mano una studentessa a parco Kennedy, a Vercelli, in occasione della manifestazione contro la guerra in Ucraina.

Tanta gente si è riunita per un’Europa di pace: bandiere, slogan, canzoni, l'inno ucraino e interventi di rappresentanti delle associazioni, dei sindacati e degli enti.
Ma poi ci sono state anche le lacrime. Le lacrime di chi questa guerra la sente sulla propria pelle e ha ancora i parenti in Ucraina: “Lì – ha raccontato una donna – sono rimasti tutti i nostri cari e i nostri amici. Come si fa a vivere? Piangere e parlare non basta. E neanche le preghiere sono sufficienti. Bisogna essere uniti”.

Le associazioni, i partiti, gli enti e i partiti che hanno aderito alla manifestazione sono stati diversi: tra questi Cgil, Cisl, Uil, Anpi, Arci Vercelli Biella Ivrea, Il Groviglio Lgbt, Eufemia, Migrantes Vercelli, Caritas Vercelli, Acli provinciale Vercelli, Pd, Emergency, Noi con voi, Articolo 1 e Auser Vercelli, Valsesia. Poi ancora Sinistra italiana, Amnesty Vercelli, Giovani democratici Vercelli, Coordinamento democrazia costituzionale Piemonte, Arcigay Rainbow, Attac Vercelli, Tam Tam teatro e Comitato Acque bene comune Vercelli e tanti altri.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500