cerca

Carlo Olmo

"Lupo Bianco": proiettato il film a Borgo Vercelli

Domenica consegnato anche il riconoscimento "Vercellese dell'anno"

proiezione film Lupo Bianco

Angela Oliviero, Carlo Olmo e il regista Tony Gangitano con gli spettatori

Due sale di spettatori per vedere il film “Lupo Bianco” ispirato alla storia del filantropo vercellese Carlo Olmo: ieri, domenica 7 novembre, c’è stata la prima nazionale al cinema Movie Planet di Borgo Vercelli. Nell’occasione è stato consegnato anche il premio “Vercellese dell’anno 2020” all'avvocato da parte del presidente della Famija Versleisa Pier Luigi Bruni. Erano presenti le autorità del Vercellese, tutti coloro che hanno sostenuto i progetti e anche il film del filantropo, vincitore della categoria ‘International Starlight Cinema Award’ al Festival di Venezia.



“Lupo Bianco” ripercorre la vita di Olmo a partire dalla sua nascita e dall'adozione fino alle iniziative benefiche e solidali da lui portate avanti durante la pandemia, ma non solo: “È una storia vera – ha spiegato il filantropo – ho avuto la possibilità di dare una mano e di far incontrare il privato con il pubblico: si è realizzata una sinergia che ha permesso di aiutare molto il territorio”. Durante la pandemia Olmo ha donato dispositivi di protezione anche al Tribunale di Vercelli dove sono state girate alcune scene del film: “È stato un aiuto importante, inizialmente eravamo anche intimoriti a parlare tra di noi” ha detto la presidente Michela Tamagnone.

Anche l’Asl di Vercelli è stata supportata da Olmo: “In un momento particolare come quello della pandemia, Olmo ha donato le mascherine, un bene di poco valore, ma il più prezioso - ha dichiarato il direttore generale Eva Colombo - Per questo desidero esprimere un ringraziamento per le tante piccole azioni di molte persone che in quel momento si sono prodigate e hanno consentito di raggiungere un grande risultato”. Il sindaco di Borgo Vercelli Mario Demagistri ha ricordato la donazione di Olmo di tre unità di Protezione civile ai Comuni alluvionati nel 2020: il suo, Motta de’ Conti e Prarolo.

E' stato quindi proiettato il film nato da un’idea di Diego Cammilleri e prodotto dalla CinemaSet di Antonio Chiaramonte, con la regia di Tony Gangitano e la sceneggiatura di Stephanie Beatrice Genova e Alessandro Ferrara. Le musiche sono di artisti vercellesi: Serena Rubini, Francesco Cilione, Silva Poy e Marco Giva. Nel cast figurano attori quali Sebastiano Somma, Morgana Forcella, Remo Girone e Vincent Riotta. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500