" />

cerca

Covid-19

Esenzione green pass in gravidanza o per patologia? Tutte le risposte

Esenzione dal green pass: tutte le categorie che ne hanno diritto

Esenzione green pass in gravidanza o per patologia? Tutte le risposte

È possibile chiedere l’esenzione dall’obbligo del green pass? E, se sì, quali sono le categorie di lavoratori che possono essere esentati dal presentare il certificato verde? Dalle donne in gravidanza a chi ha particolari patologie, infatti, sono in molti a chiedersi se esiste la possibilità di non ricadere nell’obbligo di esibizione del green pass a lavoro (leggi qui).

Dal prossimo 15 ottobre e fino al 31 dicembre 2021, l’utilizzo della certificazione verde covid-19 verrà esteso a tutto il mondo del lavoro pubblico e privato come previsto dal decreto legge del 16 settembre. Il green pass attesta di aver ricevuto almeno una dose di vaccino oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti oppure di essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti. Esistono però delle eccezioni ovvero categorie di persone e lavoratori esenti dalla richiesta di green pass.

● Il green pass non è obbligatorio per tutti i giovani sotto i 12 anni, attualmente esclusi dalla campagna vaccinale. L’esenzione dall’obbligo del green pass si applica altresì ai soggetti che, per motivi di salute e sulla base di idonea certificazione medica, non possono essere vaccinati. Fino al 30 settembre 2021, possono essere utilizzate le certificazioni di esenzione in formato cartaceo rilasciate, a titolo gratuito, dai medici vaccinatori dei servizi vaccinali delle Asl e enti sanitari regionali o dai medici di medicina generale o pediatri di libera scelta dell’assistito che operano nell’ambito della campagna di vaccinazione anti-Sars-CoV-2 nazionale. Le esenzioni potranno essere date solo secondo le modalità e sulla base di precauzioni e controindicazioni definite dalla Circolare Ministero della Salute del 4 agosto 2021.

In particolare:

●Come spiega la circolare del ministero, invece, non esistono controindicazioni per la somministrazione del vaccino in allattamento o gravidanza. Solo dopo un’accurata valutazione medica, per le donne in dolce attesa che presentino rischi è possibile decidere di rimandare la somministrazione del vaccino e di conseguenza potrà essere rilasciato un certificato di esenzione temporanea alla vaccinazione.

● Infine, ad essere esenti dall’obbligatorietà del green pass sono anche tutti coloro che hanno ricevuto il vaccino ReiThera (una o due dosi) nell’ambito della sperimentazione Covitar. La certificazione, con validità fino al 30 settembre 2021, sarà rilasciata dal medico responsabile del centro di sperimentazione in cui è stata effettuata.

 

In ogni caso, i certificati di esenzione sono validi fino al 30 settembre; attualmente non è ancora chiaro cosa succederà dopo questa data.

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500