cerca

Associazione oncologica pediatrica

Tumori infantili: l'impatto sui bambini e le famiglie

Gli spunti dagli esperti intervenuti al seminario che si è svolto a Vercelli

seminario Aop

“A mio figlio Alessandro piacevano le piccole cose: le chiamava gocce di sole. La nostra associazione lo è nel mare di solidarietà”: sono le parole di Roberto Francese, presidente di Associazione oncologica pediatrica e papà del piccolo, per descrivere la missione di Aop nei confronti dei bambini oncologici. Tra gli obiettivi del gruppo, che opera in ricordo di Alessandro, Lorenzo Matteo e Arens, ci sono la sensibilizzazione e l’informazione: proprio per questo, sabato 18 settembre, al Teatro Civico ha organizzato un seminario sui tumori infantili. Da quanto emerso, in Italia, ogni anno si ammalano circa 1500 bambini nella fascia 0-14 anni; il Vercellese inoltre “è una piccola terra dei fuochi” come avevano precedentemente spiegato da Aop. La serata di sabato è stata suddivisa in due parti: la prima, clinica e introduttiva in cui è stato spiegato da medici e specialisti dell’ospedale Regina Margherita di Torino, la malattia oncologica e i suoi impatti sulla popolazione, sulla famiglia e sul bambino; la seconda in cui si è parlato di ricerca, soffermandosi sulle novità in merito alle cure. L’associazione, infatti, grazie al filantropo Carlo Olmo, sostiene un dottorato di ricerca di quattro anni sui sarcomi infantili: “Pensare la ricerca vuol dire salvare vite” ha sottolineato Francese.
I moderatori del seminario sono stati Ombretta Olivetti per la prima parte e Olmo per la seconda. Inoltre, durante la serata ci sono stati degli intermezzi musicali e artistici a cura di Simona Zambruno, Stefania Bellini, Angela Oliviero, Serena Rubini e “Gara”.


Tra i relatori e i ricercatori intervenuti: Franca Fagioli, Raimondo Piana, Sebastian Dorian Asaftei, Francesco Saglio, Ivana Ferrero, Katia Mareschi e Giovanna Santa Banche Niclot. Non solo: sono state consegnate delle speciali carte “Varda ben”, simili al memory, che Francesco Ruga, 92 anni, della casa di riposo di piazza Mazzini di Vercelli, con il supporto di altre ospiti, ha realizzato appositamente per i bimbi oncologici; e sono stati donati i suoi quadri raffiguranti Bambi e destinati all’Hospice del Regina Margherita. Per aiutare i "piccoli guerrieri" dell'Aop anche i ragazzi della Cascina Bargè hanno realizzato dell'oggettistica. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500