" />

cerca

L'incontro

Il rettore Upo Gian Carlo Avanzi ospite del Rotary Club Vercelli

Il presidente Aguggia: "Vercelli valorizzata dalla presenza dell'Università"

Avanzi e Aguggia

Il rettore Upo Gian Carlo Avanzi e il presidente del Rotary Club Vercelli Luca Aguggia

Il rettore dell'Università del Piemonte orientale Gian Carlo Avanzi è stato ospite nei giorni scorsi del Rotary Club Vercelli.

Avanzi, rettore dell’Upo dal 2018, nell'occasione ha illustrato il Piano strategico per lo sviluppo dell’ateneo e in particolare il nuovo Campus Universitario “diffuso” che, in sinergia con il Comune di Vercelli, verrà realizzato nel capoluogo, nell’area che si trova intorno alla stazione ferroviaria. Ricerca interdisciplinare, educazione innovativa ed internazionale, ma anche una maggiore alleanza con il mondo imprenditoriale locale. Il tutto cercando di mettere sempre “al centro” lo studente. Sono questi i punti di forza su cui l’Università del Piemonte Orientale sta scommettendo da tempo per proporre corsi di laurea e laureati che siano sempre più in linea con le esigenze professionali del territorio e al contempo promuovere scoperte scientifiche  innovative. “In 22 anni di storia abbiamo laureato oltre 37mila studenti e in quasi il 70% dei casi si è trattato del primo titolo di laurea in famiglia, senza contare che a un anno dal conseguimento della laurea triennale lavora l’83,5% e per quanto riguarda i laureati magistrali, a 5 anni dal titolo, risulta occupato quasi il 92%. A partire dal 2012 abbiamo raddoppiato studenti e corsi di laurea, con un tasso di incremento degli iscritti che dal 1998, anno di istituzione dell’ateneo, ha registrato una crescita media annua del 9%, passando dagli iniziali 7.500 a quasi 16mila nel 2020”, ha affermato Avanzi nel corso della sua relazione.

In particolare, Avanzi si è focalizzato sul Polo vercellese: “Quest’anno partiamo con il nuovo dipartimento di Chimica Verde, Gestione ambientale e Sviluppo sostenibile e tre innovativi corsi di laurea. Senza contare che il progetto relativo al Campus diffuso prevede una nuova sede per il Rettorato, così come per la mensa degli studenti e, ancora, aule per lo studio e spazi per la didattica. Il nostro obiettivo è di arrivare a 5 mila studenti nella sede di Vercelli – ha aggiunto - Sull’esempio della ricerca di stampo anglosassone riteniamo che oggi, per fare scoperte che contribuiscano davvero in termini scientifici, occorra necessariamente l’incrocio di più saperi e competenze, mettendo a fattor comune più eccellenze”.

“Per il nostro Club è un vero onore avere avuto l’opportunità di ospitare, in presenza, dopo tanto tempo a causa della pandemia, un relatore così autorevole come il nostro rettore. E’ una grande​ soddisfazione per tutti prendere atto di come la città di Vercelli sia sempre più valorizzata dalla presenza e dal crescente prestigio della nostra Università”, ha dichiarato Luca Aguggia, presidente del Rotary Club Vercelli e laureato in Medicina all’Upo. Dopo questa prima serata, il prossimo appuntamento in calendario per i soci del Rotary Club Vercelli è già fissato per martedì 21 settembre e sarà dedicato alla musica, in compagnia di alcuni dei giovani della Camerata Ducale, impegnati in un repertorio di pianoforte e violino.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500