cerca

Vercelli - consiglio comunale

"Diamo risposte concrete a sostegno del popolo afghano"

Ordine del giorno presentato dal gruppo Pd

Opera artista afgana Shamsia Hassani

Kabul: un'opera dell'artista afgana Shamsia Hassani

Vercelli, consiglio comunale: un ordine del giorno a firma Pd per dare risposte concrete a sostegno del popolo afghano. "In queste settimane in Afghanistan abbiamo assistito in diretta e in mondovisione alla disperazione e alla follia della guerra, dell’oppressione, dell’estremismo" sottolinea Alberto Fragapane, capogruppo Pd Vercelli, firmatario del documento insieme a Manuela Naso, Michele Cressano, Maura Forte, Carlo Nulli Rosso e Alfonso Giorgio. Fenomeni che quel Paese, precisa inoltre il capogruppo del Pd locale, vive da oltre 40 anni e di cui noi, inteso come mondo occidentale, non possiamo esimerci dall’assumerci la nostra parte di responsabilità. "L’aeroporto di Kabul - aggiunge, è stato il principale luogo di questo dramma: dove la paura e le speranze di fuga di migliaia di Afghani si è manifestata in tutta la loro forza. Alcune di quelle persone sono riuscite a fuggire, altre ci proveranno nei prossimi mesi e nelle prossime settimane. Da più parti abbiamo assistito a espressioni di solidarietà e gesti simbolici di vario tipo, ma come rappresentanti delle istituzioni, oltre a questo, possiamo e dobbiamo dare seguito a reali iniziative di aiuto. La questione afghana è estremamente delicata e complessa. Dovrà essere gestita attraverso un coordinamento a livello internazionale. Ma anche a livello locale possiamo fare la nostra parte, mettendo a disposizione le strutture comunali per contribuire alla accoglienza dei collaboratori afghani, degli attivisti e di chi è esposto al pericolo".

Tant'é: il gruppo del Pd, alla luce di queste considerazioni, chiede all’Amministrazione comunale, attraverso il documento in trattazione nelle prossime settimane in consiglio, che Vercelli sia parte attiva di quel percorso condiviso, auspicato dal Governo e dall’Unione Europea, di accoglienza e supporto alle persone che vorranno uscire dall’Afghanistan.

"Chiediamo in maniera specifica di rendersi disponibile ad ogni opportuna forma di collaborazione con le istituzioni locali, regionali e nazionali - aggiunge Fragapane - di collaborare con il Governo al fine di garantire percorsi di integrazione pieni e duraturi per i collaboratori afghani e per le loro famiglie; di candidarsi per gestire l’accoglienza dei profughi afghani che potrebbero essere indirizzati sul nostro territorio; di attivarsi per coordinare le diverse iniziative che possono emergere sul territorio da parte di Associazioni, Gruppi organizzati o anche semplici cittadini. Chiediamo alle istituzioni vercellesi di dare l’esempio e dimostrarsi disponibile a schierarsi in prima linea dalla parte del popolo afghano, oltre che con le parole anche con fatti e azioni concrete".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500