" />

cerca

coldiretti

"Florovivaismo tra ambiente, salute e opportunità per le imprese"

L'incontro dedicato al settore

"Florovivaismo tra ambiente, salute e opportunità  per le imprese"

Florovivaismo italiano tra ambiente, salute e le opportunità di sviluppo delle imprese”: un incontro per fare il punto sul settore e per evidenziare le occasioni per le aziende ed i professionisti. Si è svolto ieri, mercoledì 16 giugno, a Mezzomerico (No) ed è stato organizzato da Assofloro, Coldiretti Novara – Vco, Coldiretti Vercelli – Biella, Coldiretti Piemonte, in partnership con Associazione arboricoltori, S.i.a - Società italiana di arboricoltura, AssoGreen - Associazione nazionale specialisti macchine da giardino. L'incontro è stato ospitato dall’azienda vitivinicola “Il Roccolo di Mezzomerico”.

In giornata ci sono stati interventi di rappresentanti delle associazioni del settore, del mondo imprenditoriale e di funzionari pubblici ed esperti, con esempi utili, informazioni e strumenti per le imprese florovivaistiche. Si sono toccati temi di rilevanza nazionale, come le problematiche fitosanitarie e le nuove normative, evidenziando le opportunità per le aziende ed i professionisti del settore anche grazie a sinergie con le istituzioni.

“Nella giornata – ha commentato Francesca Toscani, direttore di Coldiretti Vercelli-Biella e Novara Vco - è emersa l’importanza delle aziende florovivaistiche e arboricole come comparto che, nelle nostre province, tra Novara, Vco, Vercelli e Biella, conta più di 150 imprese associate a Coldiretti che fatturano più di 8 milioni di euro l’anno – ha proseguito Toscani - Sono aziende la cui importanza per le nostre zone rurali ma anche urbane è emersa, inoltre, agli occhi dei comuni cittadini durante lockdown, periodo in cui il settore si è dovuto fermare e si è subito notato quanto le aziende offrano un servizio estremamente utile alla comunità. Anche grazie alla differenziazione delle loro attività e alla rinnovata attenzione dei consumatori per la natura e le attività all’aperto, come orticoltura e giardinaggio, le aziende sono riuscite a ripartire subito, dimostrandosi un settore dinamico e attento ai cambiamenti del mercato”.

All'incontro erano presenti anche Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa, delegato confederale che hanno sottolineato “come con i cambiamenti climatici sempre più evidenti, vada riconosciuta alla cura del verde una maggiore importanza proprio per ridurne gli effetti”.
“È fondamentale – hanno detto Moncalvo e Rivarossa - investire le risorse previste dal Recovery Plan affinché l’intera filiera possa essere sviluppata e coerentemente definita. Proprio nel Pnrr alle filiere è destinato 1 miliardo e 200 milioni di euro, per cui è importante dedicarne una parte a quella florovivaistica, che deve essere considerata a tutti gli effetti tra le produttive, visto che riveste un importante ruolo per la gestione del verde urbano, della qualità dell’aria e per le città del futuro”.

Nel corso degli interventi si è sottolineato anche “come non sia più possibile rincorrere le emergenze, dal caldo all’inquinamento, ma sia necessario intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato, che concorre a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi”.

Nada Forbici, presidente di Assofloro e coordinatore consulta florovivaismo Coldiretti ha affermato:“Il significato di questa giornata è dare forza propulsiva alle aziende e al settore perché il dialogo tra le parti è diventato necessario. Non si può più lavorare a compartimenti stagni ma si deve fare con una visione di unità.” Poi Forbici ha aggiunto: “Serve promozione per il Made in Italy per piante e fiori. Lavorare perché questi vengano riconosciuti: dietro alla produzione di fiori ci sono famiglie che, soprattutto a causa del periodo causato dalla pandemia, hanno vissuto duramente il lockdown che ha interessato i mesi durante cui questo settore produce il 70% del fatturato annuo.” Forbici, riguardo l’importanza della Consulta florovivaismo Coldiretti, ha affermato: “E' un valido strumento per portare all’attenzione dell’Organizzazione e di conseguenza delle istituzioni e della politica, le esigenze concrete degli imprenditori”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500