cerca

Benessere

Cerchiamo l'equilibrio in continuo mutamento

I consigli della dott. Laurenzi

Laurenzi Manuela

La dottoressa Manuela Laurenzi, psicologa

"Quando parliamo di benessere, parliamo di una condizione di equilibrio, tra diversi aspetti della nostra vita che si intrecciano e si legano: le persone intorno a noi e il rapporto con noi stessi sono i punti cruciali di questo 'puzzle' del benessere. Si tratta di una condizione dinamica, in continuo mutamento, il cui equilibrio non è dato a priori ma è il risultato di una valutazione che la persona fa della propria qualità di vita, e dipende da numerosissimi fattori individuali, relazionali e ambientali. Non è mancanza di, ma una condizione a cui si deve tendere per rispettarsi e per integrare l’ambiente esterno, non sempre facile da gestire": sono le parole della dottoressa Manuela Laurenzi, appassionata e specializzata in diversi ambiti delle scienze psicologiche.

"Dall’esterno arrivano proprio le prime insidie, ma ciò che un supporto psicologico può aiutare a fare è rivalutare la situazione: cercare di 'leggerla' con altri filtri, adottando un’altra prospettiva, rivalutando il disagio, scoprendo che anche dal proprio disagio possono emergere un senso e un messaggio nuovi per la propria vita - sottolinea - La vita inevitabilmente ci mette davanti a delle difficoltà, il punto sta nel capire in che condizione siamo: se siamo in equilibrio, riusciamo ad avere una sorta di cuscinetto per attutire i colpi e fronteggiare le difficoltà e le sofferenze mantenendo un atteggiamento positivo con noi stessi e con gli altri. Se invece non siamo in equilibrio, non riusciamo a mettere in moto le energie e le risorse per cambiare la situazione. Ecco cosa può fare un professionista: aiutare ad acquisire consapevolezza della realtà e delle proprie risorse; spesso mettiamo in atto distorsioni cognitive che ci portano a delle affermazioni assolutistiche, per questo è importante distinguere tra fatti e opinioni".


Quanto è importante il benessere in questo periodo? "Il momento che abbiamo attraversato ha impattato sulla qualità della vita di ognuno, anche se in modi diversi. C’è stato un incontro più o meno ravvicinato con il dolore, le certezze sono venute meno e tutti i rapporti sociali si sono modificati: queste situazioni hanno una rilevanza sociale e personale, il tema del cambiamento è stato presente nelle vite di tutti noi. Anche la limitazione della libertà ha avuto un impatto che, soprattutto adesso, avrà delle conseguenze. Il tempo a disposizione potenzialmente potrebbe essere illimitato con il decadere delle restrizioni, ma l’esposizione improvvisa ai contatti e ai riti sociali che avevamo ridimensionato, ora potrebbero essere fonte di stress – afferma – il periodo di lockdown ci ha permesso di capire quali sono le nostre priorità, le nostre passioni e quali le persone a cui teniamo davvero; il rischio ora è che ci si trovi con l’esigenza di dover fare troppe cose, in troppo poco tempo. La teoria dei piccoli passi è sempre molto valida, capire quali sono i propri bisogni e le esigenze è fondamentale".


A volte essere ascoltati può aiutare a superare quelle situazioni che creano disagio: "Per una buona ripartenza è giusto trovare le attività che ci prendano, che ci assorbano anche mentalmente: una di quelle cose che ti fanno perdere la cognizione del tempo, ecco, questo è un buon indicatore. Il benessere può essere raggiunto grazie a queste piccole accortezze. Nella mia attività mi occupo di adolescenti, adulti e coppie; la psicologia del benessere e il percorso per affrontare i cambiamenti sono il mio punto di forza, ma sono tanti i rami che fanno parte della mia sfera professionale".
 
 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500