cerca

L'intervento

"Anche i ghiacciai del Monte Bianco e del Monte Rosa si ritirano"

Il professor Valter Maggi ospite del Rotary Club Vercelli

Ghiacciaio Monte Bianco

L'inquietante ritirata del ghiacciaio del Monte Bianco

“I ghiacciai si stanno ritirando e il fenomeno si ripercuote sulle zone di alta montagna. Questo accade in aree non lontane, come quelle del Monte Rosa e del Monte Bianco. Il problema grande che stiamo osservando non riguarda solo il mero cambiamento climatico, ovvero il fatto che il clima stia variando sul nostro pianeta, ma anche gli impatti pericolosi che questi mutamenti possono avere sull’ambiente, oltre a modificare in modo significativo quello che è lo skyline delle nostre Alpi”. Sono le parole di Valter Maggi (qui in foto), relatore della serata conviviale del Rotary Club Vercelli che, martedì 19 gennaio, ha affrontato il tema ‘Clima e cambiamenti climatici tra passato, presente e futuro’.


Cosa sono i cambiamenti climatici e quali sono gli impatti che hanno? Quali sono gli scenari sul futuro?
Sono le domande da cui Maggi, professore di Glaciologia e Climatologia nel Dipartimento di Scienze ambiente e territorio nell’Università di Milano-Bicocca e membro del Programma nazionale di ricerche in Antartide e responsabile italiano di Epica, è partito per la sua presentazione. Il docente, con una serie di grafici, ha mostrato quali sono i dati mondiali e quelli della nostra penisola, riguardanti il cambiamento climatico: dallo scioglimento dei ghiacciai all’aumento delle temperature e al livello dei mari... “I dati mostrati sono del Comitato Glaciologico Italiano, un’associazione che a partire dal 1895 studia i ghiacciai alpini (di cui Maggi è vicepresidente, ndr). Abbiamo la fortuna di avere un archivio di oltre cento anni. Un esempio? Nel 1850 la copertura dei ghiacciai europei superava i 4000 chilometri quadrati. Già nel 1900 si era perso il 35%, la cosa interessante è che 25 anni dopo la percentuale aveva raggiunto il 50%. Oggi si sta facendo ancora tanto per poter contrastare il problema che a livello mondiale è preso molto sul serio”.
“Il sistema climatico - ha proseguito Maggi - è composto da tre fattori principali: il Sole (fornitore primo di energia) l’atmosfera e il nostro pianeta, emettitori di energia. Noi siamo in mezzo, come in un sandwich: tra quello che ci lascia il Sole e ciò che il nostro pianeta emette”.


“È una tematica di grandissima attualità, considerando l’attenzione che l’Unione Europea sta dedicando al clima, all’energia e all’ambiente, ambiti nei quali rientrano i cambiamenti climatici”, è intervenuto il presidente del Rotary Club Vercelli Luigi Omodei Zorini (qui in foto).
 
 
 
 
 
 
 
 

 


 


 


 

 
 
 
 

 


 


 


 


 


 

 
 
 
 

 


 

 
 
 
 

 


 
 

 


 

 
 
 
 

 


 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500