cerca

Serie C

Pro, un disastro: il Piacenza sbanca il Piola 3-1

Squadra senza idee, atteggiamento supponente: il crollo è verticale

Pro Vercelli-Piacenza

Leonardo Gatto nel match contro il Piacenza (foto Claudio Bellosta)

Un disastro. Non c'è altro termine per commentare la prestazione della Pro Vercelli al Piola contro il Piacenza: la squadra di Scienza offre la peggior performance stagionale e viene spazzata via, quasi umiliata, da un avversario mediocre. Malissimo le bianche casacche sotto ogni punto di vista: il gioco continua a latitare e, anzi, sembra che ogni settimana i problemi aumentino. A questo si aggiunge la totale apatia dimostrata da praticamente tutti gli elementi scesi in campo: molli, con un atteggiamento supponente, i bianchi hanno perso ogni duello. 

E lo hanno fatto contro una squadra tutt'altro che irresistibile: escluso Cesarini (giocatore di grande qualità) in tutti i suoi interpreti il Piacenza è apparsa una squadra 'operaia', nulla di più. E d'altronde lo specchio della classifica lo faceva presagire: i ragazzi di Scazzola si presentavano a Vercelli con una vittoria in 11 partite e in una sola occasione avevano segnato più di un gol in una partita (2-2 con la Pergolettese): oggi invece ne hanno fatti tre, ma sarebbero potuti essere decisamente di più. Senza contare che per i biancorossi questa è stata la quinta gara giocata in 15 giorni visto che mercoledì hanno dovuto recuperare il match contro la Juventus U23.

Infortuni, terreno del Piola che sicuramente non aiuta una squadra tecnica, stanchezza: non esistono attenuanti. Questa doveva essere la classica partita spartiacque che avrebbe dovuto far rilanciare la squadra di Scienza e invece è stato toccato il punto più basso della stagione. Dal 19 settembre (0-2 sul campo della Juventus U23) i bianchi hanno giocato otto partite: ne hanno vinta una, segnando nove gol e prendendone 14, conquistando otto punti. Una media da salvezza, totalmente inaccettabile per chi pensava di poter fare un campionato da protagonista. Urge un cambiamento radicale: la Pro sembra non avere idee quando scende in campo e l'atteggiamento dei giocatori è totalmente inappropriato per cercare di sopperire ad alcune evidenti mancanze: forse il valore della rosa è stato sopravvalutato, ma certamente è superiore delle ultime squadre affrontate. Per questo serve, in primis, un bagno di umiltà. Da parte di tutti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500