cerca

Serie C

Pro, ora è crisi: altro 0-2 con la Feralpi

Bruttissima prestazione, i bianchi finiscono in 9

Pro Vercelli-Feralpisalò

Se non è crisi, poco ci manca. La Pro Vercelli perde la sua seconda partita consecutiva in casa contro la Feralpisalò dopo aver giocato sicuramente la peggior partita della stagione. Se settimana scorsa il Sudtirol era apparso una squadra decisamente forte, non c'è stata la stessa impressione dei lombardi. Il risultato finale è quindi più figlio dei demeriti delle bianche casacche apparse senza idee, poco concentrate e colpevoli di diversi errori individuali. Il gol del vantaggio di Spagnoli è nato su due scivoloni: il primo di Masi in impostazione e poi di Tintori che, ancora una volta, non ha coperto bene il suo palo. Se si esclude una punizione insidiosa di Vitale sul finire del primo tempo, non toccata da nessuno, i bianchi non hanno praticamente mai impensierito la difesa ospite per tutti i primi 45 minuti.

La musica non è cambiata nel secondo tempo: manovra lenta, impacciata e troppo scolastica per la Pro Vercelli che anche con i cambi di Scienza non è riuscita ad invertire la rotta. Il raddoppio di Luppi in mischia a metà ripresa ha di fatto tagliato le gambe ai vercellesi e la partita si è chiusa. Le bianche casacche ci hanno provato in modo molto confusionario e partoriscono un solo tiro verso la porta di Liveranii (l'unico nell'arco dei 90 minuti) di Emmanuello. Come se non bastasse, in pieno recupero, arrivano anche i rossi per Awua, a dir la verità troppo severo per un fallo sulla trequarti, e di Bruzzaniti per proteste (evitabilissimo). 

Sicuramente non la prestazione che ci si aspettava, quindi, dopo la sconfitta di sette giorni fa: la squadra delle quattro vittorie consecutive ha subito un'incredibile involuzione e ora negli ultimi quattro match ha conquistato solamente due punti. Se però nella partita contro il Sudtirol ci potevano essere attenuanti, questa volta è diverso. Sarà compito di mister Scienza cercare di invertire la rotta, forse apportando anche qualche cambio tattico ad una squadra che è apparsa troppo piatta anche nel momento in cui avrebbe dovuto spingere al massimo per raggiungere il pareggio. Continuare, ad esempio, ininterrottamente per 90 e più minuti con tre difensori bloccati dietro, insistendo sullo stesso modulo, è parsa una scelta un po' troppo conservativa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500