cerca

La storia

"Tenetevi stretto il Piola, è un gioiello!"

L'olandese Hans Douw che ha visitato più di 3.000 stadi, domenica era a Vercelli

"Tenetevi stretto il Piola, è un gioiello!"

Hans Douw allo stadio Piola

Tra simpatici omaggi del presidente Smerieri al Palmeiras e tribune infuocate e solcate nuovamente da tifosi calienti (come ai vecchi tempi, segno di un ritorno agrodolce ad una presunta normalità?) la sfida tra Pro e Seregno ha visto un altro simpatico protagonista sugli spalti. Si tratta di Hans Douw, cinquantaseienne appassionato di calcio sino al midollo, tanto da aver visitato più di 3.000 stadi al mondo, in più di 90 Paesi diversi. Una tale esperienza socio-cultural-sportiva non poteva che sfociare in un volume che Hans ha fatto uscire da poco dal titolo “Football Love without borders”. Ora, nella sua lunga esperienza da Guiness dei Primati, Douw ha voluto doverosamente omaggiare anche il mitico “Silvio Piola” di Vercelli. La segnalazione ci è arrivata in diretta direttamente da L’Aja dove Giddeon van der Staaij il grande tifoso olandese delle Bianche Casacche ci ha inviato un whatsapp, invitandoci a raggiungere il suo amico tifoso e recordman e, nel caso, intervistarlo. Douw era accomodato con tutta la sua famiglia sul rettilineo sotto alla tribuna, quasi all’altezza della bandierina del corner e mentre sorseggiava una birra ha subito commentato: “Ragazzi, un ciao a tutti i tifosi dei Leoni. Qui a Vercelli avete uno stadio meraviglioso, davvero unico. Ricorda, ma questo lo sapete bene, i classici stati inglesi che purtroppo sono stati ormai quasi tutti smantellati. Anche la visuale è eccellente: sembra davvero di poter essere in campo. Per cui, tenetevelo stretto come gioiello. In mattinata siamo andati subito ad omaggiare la tomba del grande Silvio Piola, dove abbiamo lasciato un fiore. A proposito: …ci sono altre cose da vedere a Vercelli?”. 

Ovviamente, abbiamo provveduto ad inviargli una lunga lista di siti e foto di Vercelli tali, siamo certi, da averlo fatto innamorare della nostra città. Un episodio, questo, che se considerato nella sua giusta dimensione, non può che far riflettere in profondità: ovvero l’importanza dell’impianto di via Massaua e l’enorme capacità di attrazione che una città come Vercelli può vantare grazie al suo patrimonio sportivo, da far viaggiare all’unisono alle bellezze artistiche, naturali ed enogastronomiche del nostro territorio. Un aspetto su sui il Panathlon Club del presidente Agostino Gabotti sta lavorando, insieme ai componenti del Consiglio, con una serie di interessanti proposte (costo basso, resa massima di visibilità) da porgere al Comune nelle prossime settimane. E allora, buon ritorno nelle tue Netherlands, Hans e grazie ancora, Giddeon: Hup Holland, hup! 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500