cerca

Impresa per la Fondazione Veronesi

Ventisette volte la salita della Serra per la ricerca sul cancro

Silvia Grua in bici per combattere i tumori femminili

Silvia Grua

Silvia Grua

Villareggia, Cigliano: undici anni fa ha sconfitto un tumore, ora tenterà di scalare metaforicamente (ma neanche troppo) l'Everest. Sabato 4 settembre Silvia Grua percorrerà in bicicletta per 27 volte consecutive la salita della Serra, da Bollengo alla Broglina di Magnano, fino a totalizzare 8.848 metri di dislivello. A unire queste due imprese c'è un filo rosso: l'importanza della ricerca scientifica. "La scalata di sabato prossimo avrà l'obiettivo di raccogliere fondi a favore della Fondazione Umberto Veronesi”. L'importo che l'atleta vorrebbe raggiungere è non a caso 8.848, cioè un euro per ogni metro di dislivello che andrà superato per eguagliare l'altezza dell'Everest.

Grua, che abita a Villareggia ma è conosciuta anche a Cigliano per aver lavorato nella locale farmacia, è una sportiva fino al midollo. Lo era, anche e soprattutto, quando all'età di 34 anni le è stato diagnosticato il cancro. "Quando tornavo a casa dall'ospedale non avevo la forza di alzarmi dal letto - sottolinea -. Mi ponevo però degli obiettivi da raggiungere, proprio come si fa quando si pratica uno sport". Tuttavia il traguardo della guarigione si è allontanato beffardamente proprio quando l'incubo sembrava finito. "Dopo solo due mesi ho ricevuto una nuova diagnosi di cancro - racconta - Ed è proprio la ricerca ad avermi salvato la vita". A partire dalle ore 00,01 del 4 settembre, così, Grua si metterà ancora una volta alla prova per sostenere la ricerca contro i tumori femminili. Per contribuire si può sin d'ora accedere al sito di Fondazione Veronesi e cercare la pagina della campagna 'Everesting di Silvia'. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500