" />

cerca

L'intervista

"È stata un'emozione indescrivbile"

Parla Chicca Isola: "Non ho nessun rammarico"

Federica Isola

Federica Isola piange dopo aver conquistato la medaglia di bronzo (foto Bizzi)

L’ultima stoccata, quella della tranquillità. E poi l’attesa: una manciata di secondi interminabili prima di potersi inginocchiare sulla pedana e scoppiare in lacrime, subito raggiunta e avvolta dall’abbraccio delle sue compagne che con lei hanno lottato e condiviso tutto. Quelle compagne (Rossella Fiamingo, Mara Navarria e Alberta Santuccio) che l’hanno accolta, coccolata e spronata come si deve fare con la più piccola del gruppo. Il pianto di gioia e poi la festa, per un traguardo che, nella spada femminile, mancava da 25 anni. Tutto questo accade poco dopo le 12.30 italiane di martedì 27 luglio: Federica Isola, insieme alla sua squadra, batte la Cina nella finale 3°-4° posto e vince la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo, alla sua prima partecipazione ai Giochi. Ventun’anni dopo l’oro di Maurizio Randazzo a Sydney, la scherma vercellese torna sul podio nella manifestazione più importante. E sono passati 25 anni da quando Elisa Uga tornò in città da Atlanta con l’argento al collo, l’ultimo ottenuto dall’Italia in questa disciplina. A quella spedizione partecipò anche Sara Cometti che però non poté salire sul podio.

"Sicuramente è stata un’emozione fortissima, una gioia indescrivibile - afferma - Poter vincere una medaglia alle Olimpiadi è qualcosa di unico. Fin da quando sono partita mi ero promessa che da questa esperienza volevo tornare solamente con ricordi positivi. Sono riuscita a portare a casa una medaglia e questo mi rende felicissima. È vero che sono andata vicinissima alla semifinale nell’individuale, ma non rimpiango nulla".

L'intervista completa sul nostro giornale in edicola oggi, venerdì 30 luglio

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500