" />

cerca

L’arrivo

Vercelli riabbraccia Chicca Isola

Festeggiamento a sorpresa dopo il suo rientro da Tokyo

Vercelli riabbraccia Chicca Isola

La città di Vercelli e la disciplina della scherma rappresentano da sempre un connubio vincente. A darne “riprova”, se mai ce ne fosse stato ancora bisogno, è stata la giovane Federica Isola, 21 anni, fresca campionessa della medaglia di bronzo nella prova di spada femminile a squadre (nel quartetto composto da Rossella Fiamingo, Mara Navarria e Alberta Santuccio) alle Olimpiadi di Tokyo. Un trionfo che, proprio a poche ore dal suo rientro dal Giappone, è stato celebrato nel primo pomeriggio di quest’oggi, giovedì 29 luglio, con una bella festa a sorpresa nel circolo “Tennis Pro Vercelli” di corso Rigola. Accolta da uno scrosciante applauso degli amici, “Chicca” è stata subito abbracciata dai nonni; da segnalare il simpatico “siparietto” del nonno che le ha messo al collo il bronzo a cinque cerchi.


«Le Olimpiadi sono la cosa più importante per lo sport. Da 2000 anni hanno una visibilità, un fascino e una partecipazione tali che si fermavano le guerre tra acerrimi nemici e si davano la mano in quella occasione. Chi vince una medaglia olimpica è scritto nella memoria per sempre, non solo in quella sua personale, ma di una Nazione», ha detto Pier Ferraris, consigliere dell’associazione Tennis Pro Vercelli, facendo gli onori di casa, per poi proseguire rivolgendosi direttamente a Chicca Isola: «Noi fortunatamente a Vercelli abbiamo avuto tanti vincitori e atleti che hanno conquistato medaglie, nell’atletica, nel tiro e tantissime nella scherma, la disciplina che ha fatto più onore alla nostra città. E pensare che ci sia ancora una persona che adesso continua a tenere alta questa “fiaccola” dello sport vercellese veramente rende orgogliosi ed emoziona (…) Una parola non banale non mi è venuta in mente, allora ne uso una che se carica di affetto, se carica di simpatia e se detta con il cuore, forse, è importante: grazie! …e continua ad emozionarci».
Complimenti a nome del sindaco Andrea Corsaro (assente per impegni fuori città) e dell’Amministrazione comunale, invece, sono stati formulati dall’assessore comunale Domenico Sabatino, invitando ufficialmente Chicca Isola in Municipio per una futura cerimonia celebrativa in suo onore, ma facendole anche una sorpresa nella sorpresa: vale a dire la proposta per la sera del 1 settembre a salire sul palco dell’area Antico Ospedale per salutare i vercellesi prima dell’inizio del concerto di Max Pezzali.
«Mi hai emozionata nel vedere quegli ultimi 8 secondi. Tu fai parte di una grande famiglia, quella con i cinque cerchi olimpici, e hai rappresentato Vercelli in un modo spettacolare», sono state le parole di Laura Musazzo, delegato provinciale del Coni, ricordando che «c’è ancora un’onorificenza del Comitato che, purtroppo, a causa del lockdown, non ti è stata ancora consegnata». Pertanto, quando l’Amministrazione comunale organizzerà un festeggiamento ufficiale, sarà il momento giusto per donare a Chicca questa medaglia, anche se, come “rivelato” dalla stessa professoressa Musazzo, «poi, a seguire, ci saranno altre onorificenze». In assenza del presidente del “Tennis Pro Vercelli”, Vincenzo Mignone, impossibilitato a presenziare, il suo vice Roberto Giacomasso ha donato alla campionessa il gagliardetto del sodalizio e una t-shirt con una sua foto trionfante e l’hashtag #vivalachicca.
Come ogni festa che si rispetti, non poteva mancare una bella torta - recante i cinque cerchi olimpici, lo stemma dell’Italia e un sincero “Grazie Federica” - che ha tagliato lei stessa prima di concedersi a una prolungata serie di autografi (molti dei quali anche sulle magliette di numerosi bambini) e fotografie.
«Diciamo già sin d’ora che a settembre o comunque in autunno cercheremo qui, al circolo, di fare una serata di gala, magari rivedendo tutti insieme il filmato della vostra performance e passando ancora una serata con noi, con la scherma, con tutti gli amici sportivi e con i rappresentanti del Comune perché il ricordo non si chiuda così presto. Lo teniamo vivo finché possiamo! Del resto tu, sicuramente, ci darai motivo di tenerlo vivo ancora per tanto tempo», è stata la bella chiosa del consigliere Pier Ferraris rinnovando le congratulazioni a Chicca Isola.
«E’ stata una soddisfazione immensa, sia come padre che come presidente della Pro Vercelli scherma», ha detto l’ingegnere Riccardo Isola a margine della festa al circolo di corso Rigola. «Il mio obiettivo era arrivare a Tokyo e dare il massimo - ha dichiarato l’olimpionica Federica - Sulla gara a squadre ci puntavo molto perché abbiamo fatto un grandissimo lavoro. E’ una squadra fortissima, anche perché le mie compagne sono plurimedagliate, sia a livello olimpico che mondiale. Per l’individuale, invece, c’è un po’ di rammarico per l’ultima stoccata, però è stata una bellissima gara dove sono cresciuta molto e devo dire che è stata una bellissima esperienza».
Dietro a queste dichiarazioni, ovviamente, c’è già il prossimo obiettivo da conquistare (…salendo ancor più su i gradini del podio): i giochi della XXXIII Olimpiade che nel 2024 si terranno a Parigi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500