cerca

Lancio del martello

Lucia è super: medaglia d'argento agli Assoluti

Firmato il suo nuovo primato personale: "Dedico questa medaglia a me stessa"

 Lucia Prinetti Anzalapaya

Lucia Prinetti Anzalapaya con la medaglia d'argento

"Dedico questa vittoria soprattutto a me stessa perché so che è il frutto di un grande lavoro fisico e mentale, ma la dedico pure al mio coach Renzo Roverato, al mio ex allenatore, il compianto Renzo Reggiani, e a tutti coloro che credono in me". Lucia Prinetti Anzalapaya è tornata da Rovereto con la medaglia d’argento nel lancio del martello ai Campionati Italiani Assoluti di atletica leggera e il nuovo primato personale di 63,99 metri.

"Sapevo che me la sarei giocata con Cecilia Desideri e Rachele Mori, mentre Sara Fantini oggi per tutte noi è inarrivabile e il primo posto è suo -commenta Prinetti-. C’era molto caldo, abbiamo gareggiato dalle 13,30, e la mia è stata una gara in crescendo, ma partita con un bel lancio a 61,21 metri che mi ha dato fiducia. La Desideri poi mi ha superata di un metro, ma ho pensato da inizio gara che la chiave per fare qualcosa di veramente buono sarebbe stata quella di seguire il percorso di lavoro mentale svolto in questi mesi in modo da vivere la gara da protagonista e pensare solo a me stessa. Così è stato: dopo due nulli, ho tirato fuori le unghie e all’ultimo lancio ci ho provato, ci ho creduto, e sono riuscita a superarla di venti centimetri conquistando questo bellissimo argento. Ci ho messo il carattere, la voglia di raggiungere un obiettivo e non ho mai mollato".

L’atleta vercellese aggiunge: "Con Renzo Roverato mi trovo molto bene, ha trovato la chiave giusta per il mio lancio e ora che ho realizzato il mio nuovo personale non mi fermo, so che c’è margine per crescere ancora e migliorare questa misura. Ora la mia caccia è aperta ai 65 metri, so che posso raggiungerli, presto ma senza fretta. Ora non mi fermo, il 1° luglio sarò in gara a Genova e poi ne disputerò altre fino allo stop per la vacanze di agosto. Questa medaglia d’argento vale quanto un oro per me, so che è la punta di un iceberg fatto di tanto lavoro e sacrificio. Sono felice di questo podio agli Assoluti ma ora punto a crescere ancora parecchio. Da settembre inizieremo a preparare la stagione 2022 che sarà l’inizio del nuovo quadriennio olimpico, questa volta di tre anni per via della pandemia che ha spostato le Olimpiadi di Tokyo 2020 a questa estate. A proposito di Olimpiadi, farò di tutto per esserci a quelle di Parigi 2024, darò tutta me stessa per raggiungere questo obiettivo che si unisce all’altro mio traguardo, quello dei 70 metri. E’ ancora lontano ma io lavoro sodo e con costanza per scalare la montagna"

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500