cerca

Covid

Piemonte: incontro tra sindacati e Ufficio scolastico regionale

Le richieste di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Piemonte

Scuola Covid

Si è svolto nella giornata di giovedì 20 gennaio, su richiesta di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Piemonte, l'incontro per la ripresa delle relazioni sindacali nell'Ufficio Scolastico Regionale.

Al centro della discussione i temi legati alla gestione dell'emergenza Covid. I sindacati hanno chiesto la convocazione del tavolo allargato sulla sicurezza riscontrando immediata disponibilità da parte dell'Usr per un incontro alla presenza della Regione previsto per la prossima settimana; hanno segnalato la necessità di omogeneizzare le indicazioni per le scuole e per le famiglie e di una lettura dei dati e dei monitoraggi raccordati alla realtà e su item condivisi; hanno chiesto informazioni in ordine alla fornitura delle mascherine Ffp2, gratuita anche per gli studenti e hanno appreso che la prossima settimana avverranno le consegne per il personale, a partire dalla scuola dell'infanzia, mentre per gli studenti non si tratta di competenza dell'Usr; hanno chiesto di intervenire per fare chiarezza sulla questione "tamponi gratuiti presso le farmacie" per agevolare le scuole nella gestione e le famiglie nell'utilizzo.

Il tema dell’attenzione all’integrazione tra tutela della salute e sicurezza, diritto allo studio e lavoro e della necessità che ciò avvenga in base a criteri comuni e senza discrezionalità, a garanzia dello stesso trattamento sul posto di lavoro e dell’uniformità dell’accesso e della fruizione al diritto allo studio su tutto il territorio regionale, è il filo conduttore su cui sono intervenuti Limone, Penna e Meli.

Dichiara Luisa Limone, Flc Cgil Piemonte: “Le scelte di conduzione e gestione dell'emergenza pandemica a scuola devono avere ricadute positive e uguali per tutte e tutti, sulla vita dei nostri bambini, bambine, ragazze e ragazzi. Occorre garantire uniformità di trattamento sul lavoro e una dimensione serena di praticabile per la quotidianità di ogni famiglia”.

Aggiunge Maria Grazia Penna, Cisl Scuola Piemonte: “In questo momento così complicato i dirigenti, gli insegnanti, le segreterie e le famiglie hanno bisogno di punti di riferimento certi; le scuole hanno dimostrato disponibilità e attenzione, sensibilità e impegno”.

Conclude Diego Meli, Uil Scuola Piemonte: “Sembra che gli errori del passato non ci abbiano insegnato nulla. Le scuole hanno bisogno di provvedimenti chiari e intenti certi, la politica non può continuare a pensare, mentre i dirigenti scolastici e il personale devono combattere e naufragare nell'incertezza”.

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500