cerca

Borse di studio

Istituto superiore Cavour: premiati 19 alunni meritevoli

La cerimonia si è svolta online

Istituto Cavour Vercelli

Un momento della cerimonia

Sono 19 gli allievi meritevoli dell’Istituto superiore Cavour a cui è stato conferito il tradizionale premio: martedì 13 aprile, in un collegamento online hanno raccontato la loro esperienza e ricevuto la borsa di studio.

"Oggi – ha detto il dirigente Paolo Massara - vogliamo riconoscere in una cerimonia ufficiale seppur a distanza il merito dei nostri studenti per i risultati conseguiti nell’anno scolastico 2018-2019. Un anno e mezzo fa nessuno poteva presagire che il Covid 19 avrebbe sconvolto le nostre vite e routine, anche quelle scolastiche come la consegna dei premi nella storica aula magna dell’istituto Cavour, rimandata di mese in mese sperando in tempi nuovi. Siamo arrivati ad aprile, ma il Covid non ci ha ancora abbandonato. Ci muoveremo online, utilizzando la stessa piattaforma che usiamo ogni giorno per la didattica in tempo di pandemia”. “In questo preciso momento al centro dell’attenzione ci siete voi, il futuro della nostra terra, del nostro Piemonte” ha affermato il presidente della Provincia Eraldo Botta rivolto ai ragazzi.

E’ intervenuta poi Concetta Parafioriti, dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale: “Penso che quella del vostro istituto sia una bellissima iniziativa - ha sottolineato - perché si fanno tanti sforzi ed è giusto ricevere la soddisfazione, anche simbolica, che vi permette di dare un senso alla fatica che avete sopportato. Inoltre, le circostanze che stiamo attraversando non devono essere un ostacolo per cercare di realizzare ciò che abbiamo sempre fatto. Dovete cercare di vedere il lato positivo in qualunque cosa capiti: per esempio in questo caso avete imparato ad apprezzare le cose che abbiamo perché quando mancano capiamo quanto siano importanti. Inoltre, abbiamo imparato che c’è sempre un modo alternativo per tutto ciò che abbiamo sempre fatto, come anche questo collegamento da remoto”. Aldo Casalini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli alla consegna del premio ha detto: “Penso che le fondamenta di ogni territorio e stato si fondino sull’istruzione dei giovani. Se noi la favoriamo costruiamo un valore aggiunto per la comunità e per l’interesse collettivo”.

Eugenio Castelli ha consegnato il premio a nome di suo nonno, ex insegnante di chimica dell’istituto: “Io constato che in questi anni il lavoro e le aziende siano sempre più soggette a una rivoluzione rispetto ai canoni classici professionali. Rimangono invece alcuni valori stabili che voi avete dimostrato di aver capito: l’impegno e la preparazione”. “Sono particolarmente toccata – ha aggiunto l’assessore all’istruzione Gianna Baucero - dal fatto che in una società dell’effimero e dell’apparire, in cui in fondo conta molto la superficialità, noi siamo qui oggi a premiare l’impegno e la sostanza. Non l’apparire, ma l’essere. L’essere studiosi, impegnati, determinati, volenterosi e consapevoli che attraverso lo studio si può fare qualcosa di bello”. Ha preso parola anche Lorenzo Piacco. Tutti gli interventi sono disponibili sul canale Youtube dell’Istituto: Iis Cavour-Lanino.

Il “Premio Cesare e Guido Guida” è stato assegnato a Giulio Manzo e quello “Prof. Eugenio Castelli” a Eleonora Orso. I premi “Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli” sono stati conferiti a Vittoria Fattore, Mattia Federico, Giovanni Battaglia, Alessandra Imarisio, Yousra Bari, Imane El Arbaoui, Daniel Mema, Alessandro Marangon, Chiara Lombi, Federica Cappa, Lubna Lupo, Jelena Grgic e Lilly Zanco. Il premio “Lascito Re Primo” invece è stato assegnato a Lorenzo Alandi e Camilla Ravarino. Il premio “Istituto Cavour” alla Memoria “Prof. G. C. Faccio” è stato conferito a Omaima Oudadess e Francesca Carlessi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500