cerca

Meic Vercelli

"Rispetto per le vittime della Shoa"

Il commento sul corteo di Novara

Shoa

Gentile direttore,
                      anche il gruppo Meic di Vercelli - Punto Pace di Pax Christi, ha partecipato al presidio organizzato il 2 novembre scorso a Novara dalla Comunità Ebraica e dalla Comunità di Sant'Egidio, perché le stelle gialle, le casacche a righe dei prigionieri dei campi di concentramento e i simboli di Auschwitz non possono essere ridicolizzati. La nostra coscienza si ribella al confronto fra la Shoah subita degli ebrei di Europa e le norme che in Italia cercano di proteggere la vita dei cittadini dal Covid.

Quanto è successo il 30 ottobre scorso a Novara al corteo dei No Green Pass, dove alcuni manifestanti sono apparsi vestiti come prigionieri dei lager nazisti, ha lasciato tutti sbigottiti. Non possiamo accettare paragoni fra la protezione contro il virus e lo sterminio di persone innocenti. Per questo motivo una delegazione del nostro gruppo ha partecipato al presidio in organizzato a Novara, dalla Comunità Ebraica di Vercelli, Biella e Novara e dalla Comunità di Sant'Egidio, chiedendo rispetto per le vittime della Shoah e auspicando che episodi del genere non si ripetano più. Esprimendo grande vicinanza alla Comunità Ebraica, riteniamo inaccettabile assistere a manifestazioni che offendono la Memoria di milioni di persone che hanno perso la loro vita nei campi di sterminio.

Tommaso Di Lauro
Presidente Meic Vercelli
Referente Pax Christi - Punto Pace di Vercelli

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500