cerca

Consiglio Regionale del Piemonte

Discarica amianto a Salussola: Canalis, Pd, contro l'assessore Marnati

"Non andare alla Conferenza dei servizi è un assenso al progetto"

salussola protesta discarica

Salussola: la protesta davanti al municipio contro la discarica di amianto

Salussola: il progetto di discarica di cemento-amianto divide la politica nel dibattito del Question time in consiglio regionale. La consigliere e vice segretaria del Pd piemontese Monica Canalis punta il dito contro l'assessore all'ambiente Matteo Marnati, della Lega. "Ha affermato che la Regione non parteciperà alla Conferenza dei servizi a cui era stata invitata dalla Provincia di Biella – afferma - La rinuncia alla partecipazione equivarrà a un assenso all’opera".

La giunta del governatore Alberto Cirio era stata coinvolta nella discussione sulla discarica a inizio aprile. Allora il Comitato Salussola ambiente è futuro aveva scoperto che il progetto era finito nella lista di potenziali beneficiari del Recovery Fund, il cospicuo programma di aiuti dell'Unione Europea. “Abbiamo semplicemente trascritto le istanze ricevute da enti e categorie economiche. Questo non significa condividerle” era stato il chiarimento dell'amministrazione regionale.

Di recente il tema è ritornato a Palazzo Lascaris per iniziativa della consigliere Canalis, che ha chiesto chiarimenti a Marnati. La risposta tuttavia non ha convinto l'esponente Pd. “Secondo l'assessore il contesto piemontese soffre di una carenza di impianti di questo genere, e che nell’area in questione non ci sono vincoli paesaggistici” afferma Canalis. Al contrario la consigliera cita il riso di Baraggia dop che viene prodotto proprio nella zona del Brianco. “Questo suolo è inoltre indicato come zona di ricarica di falda degli acquiferi profondi, utilizzati per il consumo umano e meritevoli quindi di una tutela assoluta” prosegue.

A proposito la consigliere sottolinea il rischio che le fibre di amianto finiscano nell'acqua potabile distribuita nelle case. “Ma l’assessore Marnati, rispondendo in aula, ha dichiarato che 'non esistono evidenze di danno alla salute' e di aumento di rischio di tumore, conseguente all’ingestione delle acque contaminate da fibre di amianto” rincara. Canalis sostiene invece che questi componenti potrebbero entrare in atmosfera attraverso ad esempio il lavaggio della biancheria, che quindi ne favorirebbe l'inalazione.

“Avremmo voluto sentir dire che non c'è rischio di contaminazione delle falde, e non che tale rischio sia, in fin dei conti accettabile - sottolinea l'esponente Pd - Oggi a Salussola e nella Valledora bisogna tutelare il patrimonio agricolo ed ambientale, non fare finta di ascoltare i territori e poi scegliere il business. Se il Piemonte ha carenza di impianti di stoccaggio dell’amianto, la giunta vada a collocarli in aree idonee”.
 
 
 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500