cerca

Anpi Varallo alta Valsesia

Il 10 aprile "camminata partigiana" tra Lozzolo, Roasio e Gattinara

Territori utilizzati anche per le tecniche di guerriglia

Lozzolo

Da Lozzolo parte la prima camminata partigiana dell’anno. Appuntamento domenica 10 aprile al monumento dei caduti. Torna l’iniziativa organizzata dall’Anpi Varallo alta Valsesia, in collaborazione con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel biellese, nel vercellese e in Valsesia, l’associazione Olinda di Milano sui “Sentieri Partigiani”, le Anpi di Gattinara e Valsesiane per celebrare i luoghi della Resistenza.

L’escursione si snoderà tra Lozzolo, Roasio e Gattinara. Tra il 1944 e il 1945 le aree collinari dell’alto vercellese e novarese sono state testimoni del trasferimento delle unità partigiane impegnate nella “pianurizzazione”. Punto strategico per le vie di comunicazione e luogo di depositi vettovaglie e armi, questi territori erano utilizzati anche per le tecniche di guerriglia. I racconti seguiranno la storia dell’84 Brigata “Strisciante Musati”, trasferitasi nei dintorni di Lozzolo, l’eccidio di Roasio, l’uccisione di cinque partigiani in località Pozzasca durante il rastrellamento del 3 marzo 1945 ed altri avvenimenti che hanno ormai segnato per sempre la memoria di quei luoghi.

Dal monumento dei caduti, dopo una sosta alla lapide della Pozzasca, si salirà fino al rifugio alpini alla cima della Bonda Grande, dove è previsto un pranzo al sacco. L’escursione sarà allietata dagli storici dell’Anpi che ricostruiranno i fati accaduti in quei luoghi. Il percorso presenta una difficoltà di tipo E (escursionistico), con un dislivello di 450 metri e una lunghezza di circa 12 chilometri, percorribile all’incirca in 5 ore. E’ consigliabile abbigliamento e calzature da trekking, giacca a vento e scorte d’acqua (difficilmente reperibili durante il percorso). Per informazioni contattare i numeri 339 4902694, 346 4092883 o 338 3046817.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500