cerca

Santhià - scuola primaria

Quarantena con un solo positivo: tamponi in farmacia, paga il Comune

"In caso di negatività di tutti gli altri alunni rientro in classe anticipato"

Tampone bambini

Santhià: nonostante la scuola abbia riaperto da pochi giorni, diverse classi della scuola primaria della città sono in dad, la didattica a distanza, anche nei casi di un solo positivo riscontrato, che ha comportato l'isolamento per 10 giorni in attesa del tampone.

"Comprendendo il disagio delle famiglie e il forte momento di stress per i bambini, abbiamo chiesto alle farmacie santhiatesi - spiegano il sindaco Angela Ariotti e il vice Mattia Beccaro - di effettuare entro tempi brevi il tampone ai bambini della classe messa in dad, il famoso T0 che ora l’Asl non riesce ad effettuare, e consentire quindi alla classe di rientrare a scuola quanto prima, in caso di negatività di tutti gli altri alunni e di conferma di una sola positività verificatasi in precedenza". 

L'eventuale costo dei tamponi per i bambini della scuola primaria sarà a carico del Comune. "Naturalmente, trattandosi di bambini piccoli - prosegue Ariotti - sarà facoltà dei genitori decidere o meno di sottoporre il proprio figlio al tampone che, qualora non volesse farlo, dovrà stare necessariamente in isolamento fino alla fine della quarantena. Ci siamo adoperati subito per risolvere questa problematica che diverse famiglie ci hanno fatto presente, sia per conciliare gli impegni lavorativi e familiari che per alleggerire il carico di stress su bambini e genitori. Ringraziamo di cuore le farmacie santhiatesi, per essersi rese disponibili e il dirigente scolastico che hanno aderito all’iniziativa non appena gliela abbiamo proposta".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500