cerca

Fp Cgil e Rsu

Trino: "No alla privatizzazione dell'ex Ipab"

I sindacati non sono d’accordo sull’affidamento alle cooperative

Casa di riposo Trino

No alla privatizzazione dell’Azienda pubblica di servizi alla persona “Sant’Antonio Abate” di Trino, l’ex Ipab, e no all’affidamento della gestione dei servizi alle cooperative.

Con un comunicato stampa la Fp Cgil con le Rsu della struttura trinese rendono noto che "non condividono la privatizzazione dell’ente e non sono d’accordo sull’affidamento, in tutto o in parte, a cooperative della gestione dei servizi. E’ il contenuto della lettera inviata alle più alte istituzioni territoriali, affinché continui a essere garantita una regia pubblica: principale garanzia per la resa del miglior servizio, l’erogazione delle prestazioni agli ospiti e la tutela del personale dipendente, anche in ragione delle crescenti complessità dell’Apsp di Trino".

La sopraggiunta autogestione della struttura "poco si concilia con un luogo di lavoro “normale”, con la gestione dei servizi alla persona, con una struttura dove siano realmente esigibili nuovi strumenti di partecipazione e vigilanza da parte di utenti e operatori - proseguono i sindacati - Per questo siamo convinti che lo stato attuale dell’ente possa e debba essere oggetto di un sollecito e chiaro interessamento da parte di tutte le istituzioni: dal Prefetto, alla Regione Piemonte, alla Provincia di Vercelli, al Comune di Trino, all’Asl, affinché si possano trovare le risposte necessarie alle attuali criticità che se non affrontate con urgenza rischiano seriamente di far collassare l’ente".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500