cerca

Sabato 4 e domenica 5

Costanzana: convegno e visite guidate agli affreschi di Santa Caterina

La chiesa risale al XVI secolo ed è stata oggetto di restauri

Santa Caterina Costanzana

Alcuni degli affreschi restaurati (foto Greta Rosati)

Restano ancora pochissimi posti disponibili per le due giornate di studi, visite guidate e intermezzi musicali a Costanzana per ammirare gli affreschi restaurati della chiesa della Confraternita di santa Caterina d’Alessandria. Il recupero del “gioiellino” risalente al XVI secolo e ubicato nell’omonima piazza è infatti diventato realtà.

L’iniziativa, patrocinata da Comune, parrocchia e dalla stessa Confraternita, prenderà il via sabato 4 dicembre: dalle 9,30 alle 12, nel salone teatro parrocchiale di via I maggio, si svolgerà la tavola rotonda “L’oratorio di santa Caterina d’Alessandria in Costanzana: scrigno di arte e di storia”, con la presentazione del ciclo pittorico e dell’intervento di restauro sugli affreschi risalenti al XVI e XVII secolo e sulla tavola pittorica retrostante l'altare, risalente al 1626. Dopo i saluti istituzionali, è previsto l’intervento dell’architetto Stefania Raso, progettista e direttore dei lavori, di Cinzia Lacchia, conservatrice del Museo Borgogna di Vercelli, di Antonio Vannugli, docente dell’Università del Piemonte orientale, e dello storico dell’arte Simone Riccardi.

Santa Caterina

Sabato 4 e domenica 5 dicembre si svolgeranno le visite guidate all’oratorio di santa Caterina: sono previsti quattro turni da 45 minuti (ore 15,30-16,15-17,00-17,45), accompagnati dalla guida abilitata Elena Mandrino, introdotti da un preludio musicale con musiche rinascimentali eseguite da Alessandro Pisa (liuto) e Gianluca Pisa (voce bianca). La prenotazione in entrambe le giornate è obbligatoria, chiamando o inviando un messaggio WhatsApp al numero 347.1581795. E’ necessario esibire il Green pass.

Il via libera all'opera è stato possibile grazie al contributo da 15.000 euro ciascuno ricevuto dalla Fondazione Cassa di risparmio di Vercelli e dalla Crt, oltre a fondi della Confraternita e altri raccolti attraverso offerte, pranzi e banco di beneficenza in epoca pre Covid. La parte di scrostamento e rifacimento esterna è stata affidata alla ditta Tavernese di Casale, mentre i restauri sono stati effettuati dalla Mimesi snc di Torino, affiancata dalla Eandi snc, anch'essa di Torino.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500