cerca

Atrap Aps

Trino: "Grande soddisfazione la consegna del castello di manovra"

La presidente Pregnolato: "Vogliamo donare una piattaforma aerea"

"Per l’Atrap è stata una grande soddisfazione consegnare ufficialmente il castello di manovra al Comando provinciale dei vigili del fuoco di Vercelli e per me è una forte emozione sapere che ora i nostri Vigili del Fuoco Volontari del distaccamento di Trino potranno riprendere ad usarlo per la loro formazione". Così Alessandra Pregnolato, presidente di Atrap Aps, esordisce parlando della consegna del castello di manovra.

Pregnolato ripercorre la storia dell’Associazione Trinese Amici Pompieri: "L’Atrap nasce nel 2004 per supportare l’attività dei vigili del fuoco volontari del distaccamento di Trino e una svolta importante avviene nel 2014 col presidente Gian Luca Torchio, quando c’è stata la trasformazione dell’associazione in Onlus, cosa che ci ha permesso di svolgere diverse attività per poter raccogliere fondi, ma soprattutto ci ha permesso di poter accedere ai contributi del cinque per mille. Nel 2015 mi sono insediata alla presidenza con Alessandro Nardella come vice. L’attuale castello di manovra sostituisce il primo, costruito passo a passo in molti anni, dai vigili del fuoco Volontari di Trino con il contributo di molti e dell’Amministrazione comunale. Il castello precedente, che abbiamo visto crescere anno dopo anno, crollò a causa di una forte tromba d’aria nel 2017, creando un vuoto quasi surreale. Mancava un pezzo del Distaccamento di Trino. Così Atrap, nel suo ruolo di supporto al Distaccamento, ha fortemente voluto rimpiazzare il prima possibile questo vuoto e negli ultimi tre anni le iniziative promosse, il supporto di molti cittadini e associazioni trinesi, il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, il contributo dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco così come quello dei Vigili del Fuoco in pensione della sezione di Vercelli, ma soprattutto il finanziamento concesso dal Comune di Trino, ci ha permesso di avere i fondi necessari alla realizzazione di questa importante opera. L’augurio è che questa sia la prima di tante che potremo realizzare per dare sostegno all’impegno dei Vigili del Fuoco trinesi".

Al nuovo castello di manovra è stata apposta una targa di ringraziamento verso tutti coloro che hanno contribuito alla sua costruzione: Airc, Associazione Nazionale Vigili del fuoco volontari, Alientech, Bar Ciitadella, Buzov Plamen Mateev, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Vercelli, Comitato della Festa degli Ortolani, Comitato del Gemellaggio, Comune di Trino, ditta Rei Francesco, Fidas, Florio Giuseppe, Fondazione Crv, Litocopy, Multi Service, New Decor, Pallacanestro Trino, Pat e Protezione civile, Refratechnik, Rione Fusa Carnevale, Vigili del fuoco in pensione sezione di Vercelli, Vito Grano. I lavori del castello, progettato dall’ingegner Luca Nicolosi e realizzato dalla ditta Vito Grano, sono iniziati il 19 gennaio 2020 e terminati il 25 settembre 2020.

All’inaugurazione a fare gli onori di casa c’era il capo distaccamento Stefano Cosentino con la presidente di Atrap Aps Alessandra Pregnolato, alla presenza del comandante provinciale dei vigili del fuoco Ciro Bolognese, del sindaco Daniele Pane e della vice Elisabetta Borgia, il luogotenente dei carabinieri Emilio Farina, il vice coordinatore regionale e responsabile del coordinamento di Protezione civile di Vercelli Roberto Bertone, l’ex commissario prefettizio Raffaella Attianese e i rappresentanti di varie associazioni trinesi. Una sorpresa per Pregnolato sono stati i due striscioni preparati dai volontari del distaccamento con scritto “Grazie Ale” e la consegna di un mazzo di fiori. Durante l’inaugurazione c’è stato il balletto svolto da Giorgia Cosentino e Beatrice Mairone, della scuola di danza “Il sogno di Giò”, e anche volontarie dell’Atrap, sulle note del brano “Siamo pompieri”. C’è stata la benedizione da parte del parroco don Patrizio Maggioni e si è svolta un’esercitazione dimostrativa da parte del nucleo Speleo Alpino Fluviale. Non potevano mancare l’inno di Mameli, i fumogeni tricolore e il brindisi. Ora il nuovo obiettivo: "Vogliamo raccogliere i fondi per donare una piattaforma aerea per gli interventi al nostro distaccamento trinese - conclude Pregnolato - Era l’obiettivo per il quale avevamo iniziato a lavorare prima della caduta del precedente castello. Ora ripartiamo alla ricerca di fondi".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500