" />

cerca

Santhià - accusa della minoranza

Munì: "A 4 giorni dal voto variazione di bilancio da 150.000 euro"

"Si vogliono depauperare le casse del Comune"

Biagio Munì

Biagio Munì

A quattro giorni dal voto a Santhià arriva l’accusa della minoranza in consiglio comunale, a firma di Biagio Munì, uno dei candidati alla poltrona di sindaco, relativa a un provvedimento preso dalla maggioranza nell’ultimo consiglio comunale, quello del 27 settembre. “Quali sono le motivazioni che spingono il sindaco, a poche ore dalla fine del suo mandato decennale, a destinare ben 150.000 euro a spese determinate dalla maggioranza del Consiglio comunale uscente?”.

Il Consiglio comunale, prosegue Munì, può deliberare solo per atti urgenti e improrogabili. Per la minoranza “si vogliono depauperare le casse del Comune di Santhià, lasciando poco o nulla a chi arriverà dopo”. Segue un elenco di spese che per la minoranza avrebbe dovuto decidere casomai la futura amministrazione, come i 23.000 euro “per acquistare beni per la cura del verde”. La minoranza in aula aveva chiesto di ritirare il punto all’ordine del giorno  inerente la variazione di bilancio. “Il sindaco – si legge nel comunicato – non ha voluto neanche discuterne con la sua maggioranza, pertanto la minoranza ha lasciato l’aula in segno di protesta”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500