cerca

Crescentino

Ponte Sant'Anna, il raddoppio questa volta si farà

Dopo anni di promesse, avviate le procedure. Il ponte esistente sarà rafforzato

ponte borgo revel

Ponte Sant’Anna: avviato il procedimento per il raddoppio. Dopo quasi 30 anni forse è la volta buona. La S.C.R. Spa Società di Committenza Regione Piemonte ha inviato la comunicazione di avvio del procedimento per l’espletamento delle procedure espropriative dei terreni necessari alla realizzazione delle opere. Il numero dei soggetti interessati, proprietari dei terreni iscritti nei registri catastali, è superiore ai 50 nominativi. L’avviso di esproprio, oltre ad essere inviato agli interessati, sarà pubblicato per 30 giorni all’albo pretorio del Comune di Verolengo e di Crescentino, tempo entro cui potranno essere presentate eventuali osservazioni. Da prima del 2000 si parla del raddoppio. Il ponte, costruito sulla Dora Baltea tra il 1884 e il 1886, funge da collegamento tra la provincia di Torino e quella di Vercelli. A causa dell’intenso traffico veicolare a cui è sottoposto, ed in virtù della dimensione limitata delle carreggiate, più volte è stato teatro di incidenti, alcuni anche mortali. Negli anni più volte l’opera è stata in procinto di partire. Spesso è stata “cavalcata” come promessa elettorale, poi tristemente caduta nel nulla. A marzo 2021 era stato il consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte, Gianluca Gavazza, ad annunciare che il progetto era diventato esecutivo e che i lavori sarebbero partiti entro la fine del 2021. In molti l’hanno vista come l’ennesima promessa destinata a cadere nel nulla. Invece questa sembra essere la volta buona. Nel corso degli anni il progetto ha subito diverse modifiche, l’ultima in ordine di tempo nel 2014, quando è stata inserita anche la ciclovia Vento, un’opera lunga 679 km e che collega Torino a Venezia, passando sul ponte Sant’Anna appunto. L’intervento approvato prevede il consolidamento della struttura esistente da impiegarsi come unico senso di marcia in direzione Crescentino. Una nuova infrastruttura la affiancherà per il transito dei mezzi in direzione opposta. I lavori interesseranno anche l’adeguamento della strada provinciale a monte e a valle dell’opera per circa 1 km e mezzo. In prossimità dell’abitato di Borgo Revel verrà realizzata una rotonda con annessa pista ciclabile. Il costo complessivo dell’infrastruttura è di circa 14 milioni di euro e sarà finanziato dalla Regione Piemonte tramite Scr e in parte da Rfi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500