cerca

Campagna vaccinale al 66%

Lotta al Covid: Borgosesia al terzo posto tra le città piemontesi

Farmaco somministrato a 7.580 residenti, sugli 11.547 over 12

Vaccino Covid-19

Borgosesia al terzo posto tra le città piemontesi che si sono distinte nella lotta al Covid: emerge dai dati ufficiali diffusi dalla Regione Piemonte, dove il centro valsesiano si colloca sul podio dei migliori, preceduta solo da Acqui Terme dove il 71% della popolazione è stata vaccinata almeno con la prima dose, e Vinovo (67%).

Borgosesia è terza, pari merito con Domodossola, Chieri e Ivrea, con il 66% della popolazione vaccinabile: "Sono dati che mi rendono molto orgoglioso - commenta il sindaco Paolo Tiramani - fin dalla primavera 2020 ci siamo attivati con tutti i mezzi a nostra disposizione per tutelare i nostri cittadini e metterli nelle migliori condizioni per difendersi dal virus. Lo scorso anno siamo stati tra i primi in Italia ad effettuare la campagna di test sierologici su tutta la popolazione, e poi sugli allievi delle nostre scuole. Oggi abbiamo raggiunto questo ottimo risultato con la campagna vaccinale, ed è importante perché questo mette la nostra città ed i nostri cittadini nelle migliori condizioni per ripartire sotto tutti i punti di vista, dopo le difficoltà degli ultimi 18 mesi".

Dai dati della Regione Piemonte risulta che a Borgosesia è stato somministrato il farmaco a 7.580 residenti, sugli 11.547 over 12: "E’ un risultato che abbiamo ottenuto grazie all’ottima sinergia creatasi con l’Asl di Vercelli - sottolinea ancora Tiramani - con la quale abbiamo messo in campo azioni mirate, come la creazione del secondo Polo Vaccinale nel Teatro Pro Loco. Non va poi dimenticato il proficuo lavoro di squadra effettuato dalle Associazione cittadine, che hanno avuto un ruolo determinante nel coinvolgere l’intera popolazione. Infine, anche noi dal Comune abbiamo attutato fin da subito, come ho detto - aggiunge il sindaco - un’intensa azione di sensibilizzazione che ha dato i suoi frutti".

Tiramani, che si è attivato in prima persona per contribuire alla lotta al Virus, sottoponendosi anche come volontario alla sperimentazione del vaccino italiano Reithera, ci tiene poi ad evidenziare l’atteggiamento costruttivo della comunità che rappresenta: "Non posso che ringraziare tutti i borgosesiani – dice infatti - che hanno dimostrato e stanno dimostrando grande maturità e sensibilità nell’adottare le corrette misure per uscire dalla pandemia: vaccinarsi è prima di tutto un atto d’amore per la propria comunità, perché è l’unica via per tornare tutti insieme alla normalità: non tutti l’hanno compreso".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500