cerca

Il caso

Boschi di sponda destra del Po e Poetto: Trino dice sì alle modifiche

Pane: "Voto a favore per rispetto ad Angry Wheels e Ente Parco del Po"

Parco del Po

"Se non si fosse pregiudicato l’operato della Angry Wheels e visto che i rapporti con l’Ente Parco del Po sono molto buoni, per i tempi e i modi con cui il Comune di Camino ha presentato queste richieste di modifica della convenzione, io e la maggioranza avremmo portato questo punto in Consiglio comunale per votare tutti insieme, maggioranza e minoranza, contro le richieste di modifiche avanzate da Camino, ma noi dobbiamo votare a favore solo per rispetto verso Angry Wheels e Ente Parco del Po".

Non ha usato mezzi termini il sindaco Daniele Pane in merito alle modifiche alla convenzione per la gestione e manutenzione delle aree denominate “Boschi di sponda destra di Po” che si trova nel territorio del Comune di Camino e “Poetto” che si trova nel territorio del Comune di Trino. Ma altrettanto ha fatto Alessandro Portinaro per la minoranza: "Non possiamo che esprimere stupore per queste richieste di Camino. Tempi e modi sbagliati che ci hanno colpito alla lettura del documento che è all’ordine del giorno per essere approvato. Prima di leggerlo pensavamo a qualche piccolo aggiustamento, invece siamo rimasti stupiti dalla motivazione di queste modifiche. Vista la stranezza della richiesta di Camino, noi ci asteniamo, avallare queste modifiche ci pare un controsenso. D’altro canto comprendiamo che la maggioranza debba per forza di cose approvarle altrimenti si bloccherebbe tutta la convenzione e così l’attività in quei luoghi da parte di Angry Wheels e Parco del Po, verso i quali, sia chiaro, nutriamo il massimo rispetto e appoggiamo quanto fanno e vogliono fare in quelle due aree". Pane è intervenuto dicendo: "Condivido quanto detto da Portinaro e capisco la posizione della minoranza. Se non si fosse bloccato tutto, avremmo votato contro anche noi, ma non possiamo fermare l’associazione sportiva e l’Ente Parco". Il sindaco ha poi aggiunto: "Questa non è la prima volta che il Comune di Camino crea problemi. Racconto due episodi: quando il Comune di Trino ha preso l’iniziativa di coordinare tutti i comuni italiani interessati dai fondi Scanzano arretrati, con un lavoro non di poco conto, tutti hanno firmato il documento unitario, tranne Camino. L’altro episodio è quello sulla richiesta per ottenere i finanziamenti per allungare il ponte sul Po: Camino disse di voler bloccare il progetto se non veniva inserito l’intervento di consolidamento della sponda di Rocca delle Donne e solo dopo le dovute spiegazioni in merito si è potuto proseguire. Con i vicini capita di aver un rapporto difficile, Trino lo ebbe con Morano sul Po in passato per lo scolmatore, ora ce l’abbiamo su vari fronti con Camino. Ma bisogna avere pazienza".

La convenzione: il Comune di Trino l’aveva approvata con delibera consiliare il 30 novembre 2020. E’ finalizzata all’affidamento in gestione delle aree “Boschi di sponda destra di Po” e “Poetto” all’associazione sportiva dilettantistica Angry Wheels. Il Comune di Camino ha ora chiesto due modifiche, cioè quelle di eliminare i primi due paragrafi dell’articolo 2, che interessa proprio gli impegni di Camino. Di cosa si tratta: il Comune collinare ha chiesto di eliminare il paragrafo in cui si dice che Camino si impegna a “eseguire lavori di manutenzione della rete stradale per consentire l’accesso ai percorsi ciclopedonali individuati e la periodica rimozione dei rifiuti nell’area denominata “Boschi di sponda destra di Po”, con lo scopo di consentire l’utilizzo in condizioni di sicurezza degli itinerari percorribili sia in bicicletta che a piedi, per pratica sportiva o per semplice svago” e di eliminare il paragrafo in cui Camino si impegna a “comunicare tempestivamente ad Ente Parco e ad Angry Wheels eventuali problemi e rischi che insorgessero nell’area e lungo gli itinerari, concordando eventuali interventi di ripristino eccedenti la manutenzione, o la necessità di chiudere al pubblico alcuni tratti per motivi di sicurezza”. Il vice sindaco Elisabetta Borgia, presentando il punto all’assemblea, ha detto: "Si tratta della modifica della convenzione che noi abbiamo approvato a fine novembre, modifica dovuta al fatto che al Comune di Camino non piacciono due paragrafi dell’articolo 2, che lo riguarda nelle sue competenze. Non commento tempi e modi della richiesta di Camino, che tocca una sua competenza sulla rete stradale e sulla comunicazione tempestiva". Dopo il dibattito, Borgia ha concluso: "Mi spiacerebbe non approvare queste modifiche solo perché andrebbe a discapito di Angry Wheels ed Ente Parco del Po". Le modifiche volute dal Comune di Camino sono così state approvate dalla sola maggioranza.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500