cerca

Istituto comprensivo

A Trino "Tutti in rete contro il bullismo"

Tre appuntamenti online per parlare del fenomeno

Bullismo e cyberbullismo

"Tutti in rete contro il bullismo” è il titolo del triplo appuntamento on-line organizzato dall’Istituto Comprensivo di Trino guidato dalla dirigente Angela Milella. Gli appuntamenti si terranno su Google Meet col proprio account Google e sono in programma mercoledì 28 aprile alle 17,30 per la scuola primaria, giovedì 29 aprile alle 17,30 per la scuola media, giovedì 13 maggio alle 17,30 per la scuola materna. A parlare dell’argomento ci saranno la dirigente Angela Milella, la professoressa Marcella Toccano, referente per bullismo e cyber bullismo per il Comprensivo, e il dottor Silvano Monti, psicologo.

Dall’Istituto Comprensivo di Trino spiegano che la scuola ha organizzato tre eventi rivolti alle famiglie per trattare l’importantissimo tema del bullismo e del cyber bullismo: "Il bullismo è un fenomeno da sempre esistito e che tutti noi abbiamo, in qualche modo, conosciuto nella nostra infanzia – spiegano dall’Istituto - Ne troviamo traccia in molta letteratura del secolo scorso dedicata a bambini e adolescenti. La rapida diffusione delle tecnologie, poi, ha determinato, parallelamente al bullismo, un aumento del fenomeno del cyberbullismo, ossia quella forma di violenza psicologica che viene esercitata attraverso un uso improprio dei social network. Il nostro Istituto Comprensivo si impegna ad arginare il diffondersi di queste forme di violenza fisica e psicologica, vecchie e nuove, attivando sinergie con le famiglie e altre istituzioni, con l’obiettivo di accrescere il senso della legalità, il benessere e l’educazione degli studenti. A tale scopo si utilizzano  tutte le forme di diffusione e conoscenza, come corsi frontali, didattica multimediale e online, riunioni periodiche, consigli di classe e d’Istituto, azioni mirate ad un uso consapevole del web nonché a una conoscenza specifica dei rischio dell’utilizzo della rete internet".

E aggiungono: "La scuola, nell’ambito dell’educazione alla legalità e alla cittadinanza digitale, si impegna, dunque, a prevenire, individuare e combattere il bullismo e il cyberbullismo in tutte le loro forme. Si partirà il 28 aprile con una video conferenza su Meet rivolta ai genitori degli studenti della scuola primaria. Giovedì 29 aprile saranno coinvolte le famiglie della scuola secondaria di primo grado. Durante questi due eventi verrà  illustrato dalla dirigente scolastica il “Manifesto della Comunicazione non ostile”, un importante decalogo da prendere ad esempio per educare i nostri ragazzi all’utilizzo di un linguaggio che possa evitare, o per lo meno contrastare, la diffusione dell’odio nella vita reale e sui social. La visione di video toccanti aprirà poi riflessioni inerenti i fenomeni di bullismo e di cyberbullismo, sempre più frequenti tra i nostri ragazzi. Il 13 maggio saranno coinvolti i genitori dei bambini della scuola dell’infanzia in un evento che avrà come tematica in apertura la declinazione dei principi del “Manifesto della Comunicazione non ostile” declinati per i più piccoli. Fin dall’infanzia è bene, infatti, educare ad una comunicazione incentrata sulla gentilezza, sul rispetto reciproco, sull’importanza dell’accogliere il pensiero altrui".

Il tema sarà trattato partendo dal presupposto che anche i più piccoli devono conoscere l’esistenza di “parole appuntite”, di una comunicazione, cioè, che può ferire. "In tutti e tre gli eventi, dopo la presentazione del “Manifesto”, ci sarà l’intervento della professoressa Toccano che illustrerà il regolamento, le azioni intraprese dalle nostre scuole e suggerirà una serie di  link utili a prevenire e ad affrontare le problematiche che potrebbero subentrare. Lo psicologo Monti sarà il terzo relatore ad intervenire per trattare i due fenomeni dal punto di vista del disagio; sarà un valido supporto per le famiglie per capire come riconoscere il disagio stesso e come intervenire per risolvere il problema nella maniera più corretta. Il dottor Monti sarà disponibile nell’ultima parte dell’incontro per eventuali domande da parte dei genitori", concludono dal Comprensivo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500