cerca

Recovery Plan

Provincia di Vercelli: 400 progetti per 2,5 miliardi di euro

Sono sei le missioni presentate nel documento di 1.500 pagine

Recovery plan provinciale in Regione

Da sinistra il vicepresidente della Regione Fabio Carosso, il presidente della provincia Eraldo Botta, il presidente della Regione Alberto Cirio e il vicepresidente della Provincia Pier Mauro Andorno

Oltre 400 progetti per un totale di 2,5 miliardi di euro. È il corposo documento (1.500 pagine) che la Provincia di Vercelli ha consegnato alla Regione Piemonte per il Recovery Plan, il piano per la ripresa finanziato dall’Unione Europea in risposta all’emergenza Coronavirus.

La Regione in queste settimane sta raccogliendo le proposte delle varie amministrazioni territoriali, da trasmettere poi al Governo centrale, e la Provincia di Vercelli è stata il primo ente a inviare le carte. "Per il Piemonte la ricaduta sarà di 8 miliardi di euro, quindi per il finanziamento del maggior numero di opere sarà poi importante l’apporto dei vari rappresentanti dei territori in Parlamento – ha spiegato il presidente della Provincia, Eraldo Botta, presentando 'Next Generation Vercelli' – Per questo con il deputato Paolo Tiramani abbiamo voluto che il nostro fosse un documento d’insieme e non di singoli Comuni. Abbiamo cercato di coinvolgere quante più istituzioni possibile per 'cucire' questo piano come avrebbe fatto un sarto". "Essere stati la prima Provincia del territorio a consegnare il documento è sintomo di coesione territoriale, dalla Valsesia alla Bassa Vercellese fino alla città di Vercelli – ha dichiarato Tiramani – Questa è un’occasione per sbloccare situazioni annose. Abbiamo fatto capire agli amministratori che non si tratta solo di opere pubbliche, ma che tanto passa anche dalla digitalizzazione". Il piano è diviso in sei “missioni” e per alcuni progetti è stata stretta collaborazione coi Comuni limitrofi di Grignasco, Maggiora, Prato Sesia e Romagnano Sesia per il Novarese e di Bannio Anzino, Quarna Sotto e Valstrona per il Verbano Cusio Ossola. 

Missione 1: digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura.
Il piano vale 235.000.000 di euro e comprende la digitalizzazione e la modernizzazione della pubblica amministrazione sul territorio, facilitare le reti d’impresa, implementare la connessione ultraveloce, l’interconnessione del patrimonio culturale e la valorizzazione turistica.
Missione 2: rivoluzione verde e transizione ecologica
Il capitolo vale 609.000.000 di euro e punta, tra le varie cose, a riconvertire a idrogeno due linee ferroviarie storiche: la Novara-Varallo e la Arona-Santhià con l’acquisto di quattro treni di questo tipo. Il paragrafo indica poi la realizzazione di tre itinerari cicloturistici dal Riso al Rosa lungo il fiume Sesia con una pista ciclabile tra Vercelli e Alagna, una cremagliera elettrica di collegamento tra Riva Valdobbia e Sant’Antonio (per un tratto ciclabile tra i Walser e Fra Dolcino) e una ciclovia del Naviglio tra Ivrea e Vercelli (per 43 chilometri sul territorio provinciale).
Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
I 275.000 di euro preventivati servirebbero per le opere su cui da tempo la Provincia punta i propri sforzi: la superstrada a quattro corsie Vercelli-Novara, la tangenziale Est di Vercelli (30.000.000 di euro), le varianti di Serravalle Sesia (40.000.000 di euro) e Campertogno e la circonvallazione di Saluggia, per favorire il polo biomedicale. L’elenco comprende anche un parcheggio al casello di Vercelli Ovest, il completamento della circonvallazione di Ghislarengo e l’adeguamento della carreggiata tra Gattinara e il casello dell’A4 di Greggio.
Missione 4: istruzione e ricerca
Il capitolo ha un valore di 183.000.000 di euro per il potenziamento della sede vercellese dell’Università del Piemonte Orientale, del potenziamento della digitalizzazione nella formazione anche alla fine della Dad dovuta alla pandemia, la realizzazione di nidi e scuole d’infanzia di prossimità e la formazione in azienda.
Missione 5: inclusione e coesione
I 151.000.000 di euro supporterebbero per le politiche femminili e di inclusioni della donna, la creazione di quattro asili aziendali nei principali siti produttivi del territorio, la rigenerazione urbana limitando l’impatto ambientale e la realizzazione di cinque hub polifunzionali e intercomunali. ambientale e la realizzazione di cinque hub polifunzionali e intercomunali.
Missione 6: salute
Sono previsti 108.000 di euro per “città in salute” e servizi per il territorio, come hub sanitari nelle aree disagiate del territorio, il potenziamento di Croce Rossa e Protezione Civile e l’organizzazione di dieci centri di prossimità per l’assistenza al cittadino.
​ 
La Provincia ha quindi presentato interventi per 1.562.000 di euro, ai quali aggiungere gli 895.190 euro di programmazione dei Comuni.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500