" />

cerca

Gian Carlo Locarni

Digitale, switch-off rinviato: resta il problema smaltimento tv

"Sono circa 15 milioni gli apparecchi che dovranno essere rottamati"

digitale terrestre

La data del cosiddetto switch-off, ovvero il passaggio dal vecchio sistema di trasmissione televisiva al digitale terrestre più avanzato tecnologicamente, è stata spostata dal primo settembre al 15 ottobre. 

Il nuovo sistema, evoluzione del Dvb Digital Video Broadcasting, attiverà tra l'altro l'alta definizione in 8K che permetterà di trasmettere un segnale più pulito e consentirà di coprire una distanza maggiore tra antenna e ricevitore. Tali migliorie tecnologiche, per l’utente finale, significano dover sostituire il proprio televisore o il decoder per la ricezione del digitale terrestre. Le stime parlano di circa 14/15 milioni di apparecchi che dovranno essere rottamati e conseguentemente smaltiti, operazione che passerà attraverso la filiera di smaltimento dei Raee con il processo di lavorazione e di recupero di queste apparecchiature elettroniche. La stima che porta sui quindici milioni i televisori da rottamare nei prossimi quindici mesi, in conseguenza al passaggio al nuovo digitale terrestre, per la necessità di continuare a vedere le trasmissioni televisive, spingerà i consumatori a cambiare il decoder o l'intero televisore, questo perché dal 15 ottobre 2021 chi non avrà un apparecchio in grado di vedere le trasmissioni in alta definizione non potrà più vedere la tv. Un numero enorme di dispositivi elettronici che dovranno essere conferiti negli appositi centri di smaltimento, per cui ci auguriamo che la civiltà dei nostri concittadini non faccia aumentare l'abbandono per strada di questi apparecchi e che dovranno poi venire lavorati correttamente. 

Per il successo dell'iniziativa sarà necessario che il settore del trattamento Raee venga messo nelle condizioni di ricevere questo flusso straordinario di televisori e che i processi aziendali dei singoli operatori guardino sia alla massimizzazione delle materie prime seconde sia alla riduzione del conferimento dei rifiuti in discarica. I produttori di apparecchi elettronici che beneficeranno del decreto Rottamazione dovranno, attraverso i consorzi fra gli stessi produttori che oggi gestiscono parte dello smaltimento Raee, sostenere concretamente e adeguatamente lo smaltimento dei televisori pagando quanto necessario a realizzare un processo di recupero in linea con i principi dell'economia circolare. Fino a oggi ciò non è accaduto ma, grazie al Governo Draghi e nell'interesse del sistema Italia, si auspica e confida che tutto questo dovrà accadere.

Gian Carlo Locarni

Responsabile ambiente Lega Salvini Piemonte

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500