cerca

Parola ai lettori

"In che modo i vercellesi vengono formati all'uso dei defibrillatori?"

L'interrogazione dei consiglieri di minoranza

"In che modo i vercellesi vengono formati all'uso dei defibrillatori?"

Gentile direttore, di seguito un'interrogazione protocollata giovedì 10 giugno, congiuntamente al gruppo di SiAmo Vercelli, in cui si chiede quali azioni l'Amministrazione abbia in piano per mettere in pratica la mozione approvata all'unanimità nel 2020 in merito alla sensibilizzazione e formazione della cittadinanza all'uso dei defibrillatori.

In data 15 maggio 2020 veniva approvata all’unanimità la mozione “Vercelli città cardioprotetta”, promossa dal gruppo consiliare SiAmoVercelli, nella quale si impegnava l’Amministrazione a promuovere azioni quali: - mappare e mettere in rete i defibrillatori pubblici e privati presenti in città; - promuovere annualmente una campagna di formazione, sensibilizzazione e addestramento negli istituti d’istruzione primaria e secondaria; - promuovere l’informazione, la sensibilizzazione e l’addestramento dei cittadini istituendo corsi di Primo Soccorso e Bsld (Basic Life Support- defibrillatore semiautomatico esterno) per laici gestiti dall’Asl e da Enti riconosciuti ed abilitati dalla Regione Piemonte, anche in collaborazione con le Associazioni di Volontariato presenti sul territorio.
Si interroga per sapere: - in che modo nel corso del 2021 l’Amministrazione intenda dare seguito alle azioni previste dalla mozione citata in premessa per migliorare la formazione dei cittadini vercellesi nell’uso dei defibrillatori.

I consiglieri comunali
Alberto Fragapane, Michele Cressano, Maura Forte, Manuela Naso, Carlo Nulli Rosso (Partito Democratico);
Alfonso Giorgio (Vercelli per Maura Forte); Renata Torazzo, Piero Boccalatte (SiAmo Vercelli)

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500