cerca

Il monitoraggio

Rt nazionale sale a 0,89, ma in media solo 127 casi ogni 100 mila abitanti

L'Italia sarà quasi tutta gialla

Salvo sorprese il Piemonte rimane in zona gialla

Sale ancora l'Rt nazionale: dallo 0,85 di settimana scorsa allo 0,89 odierno, venerdì 7 maggio. L'innalzamento dell'indice di contagio, che si basa sul monitoraggio delle due settimane precedenti, potrebbe portare in poco tempo alcune regioni in arancione. Positivo, invece, il dato relativo all'incidenza: la media dei nuovi casi ogni 100.000 abitanti continua a scendere e oggi è a 127 (7 giorni fa era a 146), circa la metà rispetto al limite di 250 contagi settimanali che manda direttamente in zona rossa. Questo ha permesso a tutte le regioni che si trovavano in zona gialla di mantenerla e ad alcune che erano in arancione (come la Puglia) di ottenere la "promozione". Dalla prossima settimana solo Valle d'Aosta e Sicilia saranno sicuramente in fascia arancione, mentre la Sardegna resta in bilico. Dopo molte settimane, quindi, nessuna regione sarà in fascia rossa.

Proprio perché osservano il numero dei casi che scende insieme ai ricoveri e l'Rt che comunque sale, le Regioni chiedono di cambiare il sistema di calcolo. "La prima cosa da superare oggi, vista anche la situazione contingente, è l'indice Rt", dice il presidente della Conferenza delle Regione, Massimiliano Fedriga. Bisogna invece "tenere in considerazione l'Rt ospedaliero: fa capire se aumentano o diminuiscono le richieste di ospedalizzazione ed è un indicatore che può dare segnale importante, e che non dà una visione distorta".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500