cerca

Un occhio al cielo

San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti si avvicina

Stelle cadenti ma anche pianeti tra gli eventi astronomici di agosto

Stelle cadenti

Dopo una bellissima Superluna di luglio, arriva uno dei momenti più attesi dell’anno da chi ama guardare il cielo. Si avvicina infatti la notte di San Lorenzo, in cui tradizionalmente si passa la serata con il naso all’insù a cercare le stelle cadenti. Il cielo di agosto 2022, però, ci regala anche congiunzioni tra pianeti nonché la possibilità di osservare il passaggio della stazione spaziale cinese. 

Oltre che di vacanze e mare, agosto è per molti sinonimo di stelle cadenti. A fare da protagonista del cielo di agosto è generalmente lo sciame delle Perseidi, le stelle cadenti della notte di San Lorenzo; quest’anno, però, sarà un anno sfavorevole per vedere questo sciame meteorico dato che ci sarà la Luna piena proprio il 13 agosto, quando è attesa la maggiore frequenza. Sebbene disturbate dal chiarore della Luna, il maggior numero di Perseidi dovrebbe essere osservabile dopo la mezzanotte, nelle ore prima dell'alba del 13 agosto. «Quest'anno - precisano dall’Unione Astrofili Italiani - la frequenza oraria che in genere supera il centinaio di meteore risulterà ridotta dal chiarore lunare, ma anche perchè nei luoghi da cui osserviamo difficilmente ci sono cieli limpidi e completamente bui senza inquinamento luminoso».


Nonostante questo, «agosto è ad ogni modo un mese ricco anche di altri sciami, per lo più concentrati lungo l’eclittica tra le costellazioni dell’Aquila e dell'Acquario - spiegano dall’Uai - Queste correnti non mostrano gran quantità di stelle cadenti, né massimi particolarmente accentuati, essendo formate da piccoli corpuscoli che impattano con l’atmosfera con bassa velocità e che si sono dispersi ormai quasi completamente. Non di rado, per lo più dalle stesse regioni eclitticali, possono però capitare spettacolari bolidi, dovuti a meteoroidi più consistenti e compatti. A fine luglio e all'inizio di agosto diventano più numerose le alfa Capricornidi (max 1/2 agosto) che sembrano irradiarsi da un’area a pochi gradi a nord est della stella omonima. Visibili per tutta la notte, quest'anno offrono un'ottima opportunità per le applicazioni video fotografiche, visto che queste meteore sono all'apparenza lente e per lo più brillanti, con una caratteristica esplosione finale». 

Il 9 agosto e le notti del 10 e dell’11 agosto saranno invece rispettivamente visibili le delta Aquaridi e le Aquilidi. 
Da segnalare, durante il mese di agosto, anche la possibilità di ammirare Giove. Il pianeta sarà infatti osservabile sull’orizzonte in direzione Est prima della mezzanotte: nella parte restante della notte sarà quindi possibile seguirlo sempre più alto in cielo fino a vederlo culminare a Sud nelle ore che precedono l’alba. «Il pianeta - afferma l’Uai -  per tutto il mese prosegue la sua inconsueta e relativamente prolungata escursione al di fuori delle ordinarie costellazioni zodiacali: per tutto agosto infatti Giove si sposta con moto retrogrado nella costellazione della Balena, avvicinandosi al limite con i Pesci». 

Sebbene consti ancora di un solo modulo, recentemente messo in orbita, per molti potrebbe essere interessante osservare infine il passaggio della stazione spaziale cinese Tianhe-1. Sebbene più piccola e quindi anche meno visibile della Iss, la stazione spaziale cinese è osservabile anche ad occhio nudo seguendo le indicazioni (clicca qui) dell’Unione Astrofili Italiani.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500