cerca

Comunità europea

Dal 2024 obbligatorio il limitatore di velocità sulle auto

L'obiettivo è quello di arrivare a zero vittime sulle strade

Cruscotto auto

Da ieri, 6 luglio, è scattato l'obbligo della presenza del limitatore di velocità Isa (Intelligent Speed Assistance) su tutte le nuove auto omologate, cioè i modelli inediti lanciati nel mercato. 

La norma prevede che l’imposizione venga poi estesa a tutte le auto immatricolate dal 7 luglio 2024. Molte Case automobilistiche, in questi ultimi anni, hanno già deciso di inserire un limite di velocità massimo per i propri modelli. L'obiettivo dichiarato dall'Unione europea è quello di arrivare a zero vittime sulle strade. In Italia attualmente la media è di 9 morti al giorno per incidenti stradali.

Ma a che cosa serve il limitatore di velocità? A determinare in tempo reale la velocità massima a cui viaggiare in base alle informazioni ricevute dai dati combinati di Gps, sistema di frenata d'emergenza del veicolo e telecamere che riconoscono i segnali stradali. Una volta rilevato, il limite viene visualizzato sul cruscotto, oltre a essere inviato al controllo automatico della velocità, impedendo di fatto che lo si superi. Si attivano infatti segnali luminosi e acustici e una vibrazione sia sul pedale che sul sedile, che segnalano al conducente di rallentare e, se ciò non avviene, la vettura rallenta in autonomia agendo sul sistema di frenata. 

Fino al 2024 l’Isa potrà essere disattivato dal guidatore, dopo di che non sarà più possibile farlo. L’associazione dei costruttori sta però chiedendo di rendere il sistema disinseribile anche successivamente a quella data. Considerando anche che per il suo corretto funzionamento occorre che sulle strade vi sia una segnaletica accurata che evidenzi i limiti di velocità. E ciò richiederà diverso tempo: per i veicoli già in circolazione non è ad ora previsto alcun cambiamento.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500