cerca

Sussidio

Bonus 200 euro ad autonomi, pensionati e dipendenti: come ottenerlo

Al via a luglio l'erogazione dei bonus da 200 euro: come funziona

Bonus 200 euro

Tra i provvedimenti più attesi del decreto Aiuti vi è sicuramente il bonus da 200 euro, un contributo una tantum pensato per risollevare i conti delle famiglie italiane. A beneficiarne saranno lavoratori dipendenti (pubblici e privati), autonomi, pensionati, disoccupati ma anche collaboratori o percettori del reddito di cittadinanza; il requisito fondamentale è quello di avere un Isee inferiore ai 35mila euro. La platea prevista è pari ad oltre 31 milioni di italiani ma per ogni categoria è previsto un accesso diverso al bonus. 


Il bonus da 200 euro per i lavoratori dipendenti e titolari di pensioni

Tra gli oltre 31 milioni di italiani che otterranno il bonus, circa la metà sono lavoratori dipendenti. Ai dipendenti del settore pubblico e privato, il bonus da 200 euro dovrebbe arrivare direttamente nella busta paga di luglio a patto di soddisfare alcuni requisiti:

  • aver usufruito dello sconto dello 0,8% che, secondo la legge di bilancio 2022, spetta a chi ha una retribuzione imponibile mensile fino a 2.692 euro;
  • attestare di non percepire reddito di cittadinanza o altri trattamenti pensionistici;

Quest’ultima dichiarazione sarà probabilmente preparata direttamente dal datore di lavoro e fatta firmare al lavoratore; spetterà sempre al datore di lavoro comunicare tale dichiarazione così da permettere l’erogazione diretta del bonus. 


Il bonus da 200 euro arriverà a luglio anche ai pensionati e ai percettori di reddito di cittadinanza e verrà erogato direttamente dall’Inps; 


Autonomi, lavoratori domestici e stagionali: come ottenere il bonus da 200 euro

Per tutte le categorie di lavoratori differenti da quelle già citate, il bonus da 200 euro sarà erogato probabilmente a partire da settembre. Purtroppo, le modalità di richiesta e le tempistiche non sono ancora state del tutto chiarificate. Ad oggi, è chiaro che:

  • I lavoratori domestici (colf, badanti, baby sitter) devono essere in possesso di un contratto regolare alla data del 18 maggio 2022 per poter usufruire del bonus. Sarà il lavoratore stesso a dover fare richiesta all’Inps tramite patronato;
  • Collaboratori coordinati e continuativi: in questo caso è necessario che i lavoratori siano iscritti alla gestione separata Inps e a nessuna altra forma previdenziale. I collaboratori devono avere redditi non superiori a 35mila euro. Ancora non sono chiare le modalità di presentazione delle domande;
  • Lavoratori stagionali, del turismo e dello spettacolo: per i lavoratori dello spettacolo, il bonus da 200 euro dovrebbe essere erogato in automatico dopo il 31 agosto 2022. Gli stagionali dovranno invece fare richiesta secondo le modalità che verranno indicate successivamente;

Ancora da chiarire, invece, la modalità di accesso al bonus da 200 euro per gli autonomi con partita IVA; è probabile che arrivino maggiori dettagli dopo la metà del mese di luglio 2022. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500