cerca

Questura

Vercelli: appena scarcerato, minaccia di morte la moglie e l'amico

L'operazione della squadra mobile

Polizia Vercelli

La polizia di Vercelli ha arrestato un uomo appena scarcerato per atti persecutori nei confronti della ex moglie e di un suo amico.

La vicenda trae origine dalla denuncia presentata dalla donna, terrorizzata da alcuni atteggiamenti che, a quanto ha riferito, l'ex marito aveva ricominciato ad attuare subito dopo la sua scarcerazione avvenuta nel mese di gennaio 2022. In precedenza l’uomo era stato arrestato per una serie di maltrattamenti in famiglia ai danno della ex moglie avvenuti durante la loro vita coniugale; in particolare, dopo aver ricevuto il  rifiuto da parte della donna di tornare insieme, si era convinto che la stessa stava intrattenendo una relazione con un suo amico.

"Dagli atti risulterebbe che l’immotivata e morbosa gelosia lo avrebbe portato a minacciare continuamente di morte la donna anche con frasi pesanti, oltre a porre in essere intrusioni nella vita privata dell'ex moglie, che sarebbe stata costantemente pedinata - spiegano dalla Questura - Tali comportamenti aggressivi continuavano anche nei confronti dell’amico, erroneamente ritenuto  fidanzato della donna, con altrettanti toni e minacce di morte. Le condotte dell’uomo hanno causato un perdurante e grave stato di ansia nei confronti della ex moglie e dell’amico che li ha costretti a cambiare le abitudini di vita".

Dopo che la Squadra mobile ha raccolto numerosi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo, il Gip del Tribunale di Vercelli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell'uomo, un quarantacinquenne marocchino, da anni residente a Vercelli, con precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio. Sono così iniziate le ricerche per rintracciarlo: infatti, per sfuggire alla cattura, era fuggito all'estero. Le indagini della Squadra Mobile hanno consentito, però, di localizzare l’uomo in Olanda, vicino ad Amsterdam, e quindi di richiedere un mandato di arresto europeo. Ieri, martedì 17 maggio, l'uomo ha però fatto rientro in Italia ed è stato subito localizzato dagli parte degli operatori della Squadra mobile vicino alla stazione ferroviaria di Novara, dove è stato arrestato.

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500