cerca

Vercellese e Valsesia

Oltre 2 milioni di euro per il territorio nel 2021

I contributi destinati ai vari settori dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli

il palazzo sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli

Oltre due milioni di euro (esattamente 2.147.075,67) di contributi destinati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli al territorio vercellese e valsesiano nel 2021.

Il settore “Arte, attività e beni culturali” si è confermato come il comparto a cui storicamente sono stati destinate maggiori risorse. Questo settore è stato caratterizzato dalla continuità dell’impegno, da parte della Fondazione, nell’arricchire l’offerta culturale del territorio della provincia di Vercelli. A seguire, in ordine di importanza per l’entità dei contributi assegnati, spicca il comparto “Volontariato, filantropia e beneficenza”, che ha visto accrescere l’impegno della Fondazione compatibilmente alle proprie disponibilità finanziarie, con la finalità di attutire il disagio e la crisi del welfare ormai in atto da molti anni.

I contributi deliberati nell’anno 2021 sono stati così suddivisi: “Arte, attività e nei culturali”: 863.318,57 euro (56 progetti; 40,21% del totale deliberato); “Educazione, istruzione e formazione”: 212.650,00 (24 progetti; 9,90%); “Assistenza sociale”: 201.100,00 (24 progetti; 9,37%); “Volontariato, filantropia e beneficenza”: 360.773,10 (11 progetti; 16,80%); “Sviluppo locale ed edilizia popolare”: 285.204 (15 progetti; 16,80%); “Salute pubblica”: 160.530 (13 progetti; 7,48%); “Attività sportiva”: 63.500 (22 progetti; 2,96%).

Il progetto di Bilancio di missione e di esercizio per il 2021, redatto dal Consiglio di amministrazione e presentato dal segretario generale Sandro Pullicani Colonesi, è stato approvato all’unanimità dall’Organo di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, presieduto dall’avvocato Aldo Casalini, nei giorni scorsi.

“Nel dicembre 2021 la Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli ha celebrato il traguardo dei primi 30 anni di attività a supporto delle comunità vercellesi e valsesiane – si legge in una nota stampa -  Nato il 27 dicembre 1991, l’Ente di via Monte di Pietà da allora ha erogato 61.153.319 euro a favore del territorio, mentre il patrimonio, di iniziali 51.417.626, si è incrementato costantemente e, dopo l’accantonamento alla riserva obbligatoria operato nell’esercizio 2021, ha raggiunto il considerevole importo di 118.497.571 euro”.

L’esercizio 2021 è stato caratterizzato dal riacuirsi della pandemia da Covid-19, “che ha continuato ad impattare fortemente sul quadro macroeconomico globale, gravando sui mercati finanziari mondiali e di conseguenza sul sistema delle Fondazioni Bancarie – proseguono dall’Ente di via Monte di Pietà - Nonostante il complesso contesto in cui si è trovata ad operare, anche nel 2021 la Fondazione, grazie alla gestione prudente, alla diversificazione e al costante monitoraggio degli investimenti e all’oculato contenimento delle spese, ha consolidato il suo ruolo di ente promotore per lo sviluppo sostenibile economico, sociale e culturale del territorio di riferimento. Gli investimenti e le erogazioni sono stati così in grado di alimentare una progettualità ampia e diversificata, che ha trovato la sua sintesi ottimale negli ambiti strategici verso i quali la Fondazione indirizza le proprie risorse”.

 Valore alla cultura: i bandi rilanciano

A gennaio 2022 il Consiglio della Fondazione Cr Vercelli ha operato una svolta significativa nelle modalità di erogazione, affiancando alle due consuete sessioni erogative annuali, tre specifici bandi “Restauri con arte”, “Valore alla cultura” e “SportiAMO”, quali strumenti di selezione e valorizzazione dei progetti. Lo scorso 31 marzo sono scaduti i termini per la partecipazione ai primi due afferenti al settore di Arte e Cultura, mentre quello riferito all’Attività sportiva si chiuderà il prossimo 31 luglio.

“Alla luce del consenso che questo nuovo strumento ha raccolto tra gli enti di riferimento della Fondazione – conclude la nota stampa - in particolare per quanto riguarda il bando “Valore alla cultura,” il Consiglio di amministrazione ha disposto di incrementare l’importo disponibile, inizialmente pari a 100.000 euro, portandolo al limite massimo di 150.000, per meglio soddisfare le richieste pervenute e premiare le progettualità e lo spirito di iniziativa che il territorio ha dimostrato di avere”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500