cerca

Serd

Piemonte: dipendenze e disturbi mentali, al vaglio una gestione integrata

Canalis (Pd): "Così si mettono a rischio i percorsi clinici dei pazienti"

Gioco d'azzardo roulette

Quali misure la Regione intende attuare per garantire l’autonomia tecnico-gestionale e potenziare i Serd (Servizi pubblici per le dipendenze patologiche) del Piemonte?

Questo l’oggetto del question time che la consigliera Pd, Monica Canalis, ha rivolto alla Giunta regionale del Piemonte, nell’ambito delle interrogazioni a risposta immediata in Consiglio regionale. “L’epidemiologia dei disturbi mentali e da dipendenza evidenzia una correlazione sempre più stretta fra i due fenomeni che richiede sempre maggiori sinergie e un utilizzo integrato delle risorse - ha evidenziato l’assessore alla Sanità Luigi Icardi in una nota scritta - Al momento stiamo valutando l’accorpamento dei due dipartimenti. Tale modello – conclude - favorisce coordinamento  e omogeneizzazione delle attività nonché il superamento delle difficoltà legate al reperimento di personale. Un percorso alternativo potrebbe essere la costituzione di dipartimenti integrati Salute mentale-Dipendenze che, pur mantenendo una loro specificità, favorirebbe azioni comuni per gestire bisogni complessi e un efficace coordinamento delle risorse”.

“La Giunta Cirio  - ha dichiarato Canalis - vuole inglobare i Serd nei Dipartimenti di salute mentale col solo scopo di fondere i budget e il personale. Un’operazione senza giustificazioni scientifiche, sulla pelle di 21.000 pazienti. Nelle Regioni in cui i due Dipartimenti sono stati inglobati si è assistito a una restrizione dell’assistenza alle persone affette da dipendenza. Insensato sacrificare sull’altare del risparmio un modello di cura consolidato nel tempo, in barba alle direttive ministeriali e alle società scientifiche”. Ha proseguito la consigliera Pd: "Le difficoltà organizzative possono essere affrontate preferibilmente con un’organizzazione geograficamente trasversale piuttosto che con uno snaturamento tematico. Da sempre le dipendenze patologiche sono oggetto di stigma sociale e i Serd sono a rischio di svalutazione politica, ma la Giunta non può negare i benefici clinici dell’organizzazione creata negli anni. Si rende evidente la necessità di una riaffermazione della Autonomia dei Dipartimenti delle Dipendenze Patologiche in tutte le Asl piemontesi. Non si facciano passi indietro".

In Piemonte i pazienti presi in carico dai Serd delle varie Asl erano 21.121 nel 2015 e 21.745 nel 2019 (fonte Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte). Tra questi 6.436 erano affetti da dipendenza da alcol (fonte Bollettino 2015 Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte), 1.054 da Gioco d’Azzardo Patologico, alcune decine erano affetti da disturbi alimentari, meno di 1.000 da tabagismo e circa 13.000 da dipendenza da droga. "Già alla fine degli anni ’70 la Regione Piemonte vietò il ricovero dei tossicodipendenti nei reparti di psichiatria, per evitare il rischio di riduzionismo psichiatrico - ha spiegato Canalis - Non sussiste alcuna evidenza scientifica che giustifichi un’assistenza di carattere psichiatrico per i pazienti affetti da dipendenza patologica. Le dipendenze patologiche da sempre sono malattie complesse, multifattoriali e dinamiche, con risvolti di natura chimica e comportamentale. Le dipendenze patologiche comportano spesso malattie somatiche correlate, estranee al corpus organizzativo della psichiatria, come l’epatite C, l’epatite B, l’HIV, endocarditi infettive, cirrosi epatica alcolica, disturbi cardiovascolari da stimolanti ecc.".

I Servizi pubblici per le dipendenze (Serd) sono i servizi pubblici per le dipendenze patologiche del Sistema Sanitario Nazionale, istituiti dalla legge 162/1990. Sono organizzati all’interno delle Asl piemontesi sotto forma di Dipartimenti per le Patologie da Dipendenze (13 Serd in Piemonte) e hanno storicamente una propria dotazione organica comprendente diverse figure professionali (circa 640 operatori in Piemonte) e una propria dotazione di budget, che fino al 2021 era di 31 milioni di euro annui.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500