cerca

Comando di Vercelli

Controlli sulle strade della provincia, sei giovani denunciati

Per tutti è anche stato disposto il ritiro della patente

Carabinieri Scopa

Sei denunce nel Vercellese per guida in stato di ebbrezza e rifiuto di sottoporsi al test per le sostanze stupefacenti.

Fine settimana di intensi controlli da parte di numerose pattuglie dei carabinieri della provincia di Vercelli. L'iniziativa è stata messa in campo per evitare incidenti stradali con feriti che, come spiegano i carabinieri "spesso sono determinati da condotte di guida pericolose, viste le recenti aperture di locali che hanno di fatto permesso ai giovani di spostarsi maggiormente rispetto al passato. L’abuso di alcool nei giovani, soprattutto nei fine settimana, è infatti la principale causa di incidentalità, spesso determinata da guide pericolose".

Sabato e domenica notte sono state controllate diverse decine di giovani: sei di loro sono stati denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche oppure perché, pur presentando la sintomatologia da assunzione di sostanze stupefacenti, hanno rifiutato di sottoporsi all’esame delle urine.
Quattro le denunce a piede libero da parte dei carabinieri della Compagnia di Borgosesia, a Scopa, le altre due da parte di quella di Vercelli, a Crescentino e Desana. Per tutti, oltre alla denuncia alla Procura della Repubblica di Vercelli, è scattato il ritiro della patente. I veicoli sono stati riaffidati ai genitori che sono stati chiamati sul luogo del controllo, non essendo i figli in grado di riportare a casa in sicurezza i loro veicoli. "Grazie a questi controlli stradali non si sono verificati incidenti con feriti - fanno sapere dal Comando di Vercelli - Nel prossimo fine settimana, avendo riaperto anche le discoteche e altri luoghi di aggregazione giovanile, i controlli stradali verranno ripetuti".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Gamba Renzo

    Renzo

    Gamba

    11:11, 14 Ottobre 2021

    Mr Renzo Gamba

    Incredibile il comportamento di questi giovani. Con tutte le possibilitá che hanno nel ricevere/leggere informazioni su sostanze dannose, continuano come se nulla fosse. La vita per loro non ha valore Ma cosa hanno nella testa ? Oviamente non un cervello, ma certamente segatura !

    Rispondi

    Report