cerca

La novità

eSim: cos’è, come funziona e i dispositivi compatibili

L’eSim tra vantaggi, novità e tariffe competitive: ecco cos’è

eSim

L’adozione delle eSim sta prendendo piede anche in italia. Ma cos’è, come funziona e quali sono i dispositivi compatibili?

Il termine eSim è l’acronimo per “Embedded Subscriber identity module” ovvero schede sim incorporate all’interno del dispositivo. Nei device predisposti, infatti, alla scheda madre è collegato un chip capace di identificare l’utente sulla rete cellulare. Per farlo, l’utente non deve far altro che inquadrare il QrCode fornito dal gestore scelto e il suddetto chip memorizzerà tutte le informazioni necessarie. In questo modo, su ogni dispositivo sarà possibile “inserire” più numeri, non rendendo più necessario l’utilizzo di uno smartphone con doppia sim o di due differenti telefoni. L’eSim è stata inizialmente pensata per i dispositivi elettronici più piccoli di un normale telefono cellulare, come ad esempio gli smartwatch o le smartband. Negli ultimi mesi, però, anche il numero di smartphone compatibili sta aumentando; questo è un chiaro segnale di come, da qui a qualche anno, le eSim prenderanno il sopravvento. Stando agli ultimi dati, infatti, da qui a cinque anni l’87% dei nuovi smartphone prodotti sarà compatibile con le eSim.

Ma quali sono i vantaggi delle sim digitali? Per i clienti finali, le principali note a favore sono dettate dal costo del piano telefonico, dalla velocità di acquisto e/o cambio operatore e dalla possibilità di utilizzare più numeri sul proprio telefono. Come è possibile notare da qualche mese a questa parte, sono già molti gli operatori che offrono eSim con tariffe low-cost e non è difficile capire che, da qui a poco, si scatenerà una vera e propria “guerra” dei prezzi. L’acquisto delle eSim avviene poi comodamente online e non c’è altresì bisogno di attendere l’arrivo a casa della sim; come anticipato, infatti, basterà fare la scansione di un QrCode e il chip dedicato all’interno del device leggerà quei dati come se fosse stata inserita la vecchia scheda sim cartacea. Il chip è ovviamente riprogrammabile e, di conseguenza, anche il cambio operatore diventerà molto più veloce. Allo stesso modo, sarà possibile aggiungere più numeri sullo stesso telefono così da non dover acquistare più dispositivi, ad esempio, per casa o lavoro. Il ridotto consumo di plastica per la produzione di eSim è un’ovvia e buona conseguenza.
​ 
E in Italia? Nel nostro Paese le eSim non hanno ancora spiccato il volo anche se non mancano compagnie che hanno colto al volo l’opportunità per vendere le eSim, ad esempio, abbinate ad uno smartwatch. Per ora, inoltre, il codice Qr nella maggior parte dei casi è valido una volta sola; questo significa che, in caso di cambio di dispositivo, sarà necessario richiedere una eSim sostitutiva. Ma quali sono i dispositivi compatibili? Vi lasciamo la lista attuale di device che prevedono l’utilizzo delle sim digitali anche se, da qui a poco, è possibile che l’elenco possa allungarsi notevolmente:
● Apple iPhone 13 Pro
●Apple iPhone 13 Pro Max
●Apple iPhone 13 Mini
●Apple iPhone 13
●Apple iPhone 12 Pro
●Apple iPhone 12 Pro Max
●Apple iPhone 12 Mini
●Apple iPhone 12
●Apple iPhone Xs
●Apple iPhone Xs Max
●Apple iPhone XR
●Apple iPhone 11
●Apple iPhone 11 Pro
●Apple iPhone 11 Pro Max
●Apple iPhone SE (2020)
●Samsung GALAXY S21
●Samsung GALAXY S21+
●Samsung GALAXY S21 ULTRA
●Samsung GALAXY Z FOLD2 5G
●Samsung GALAXY FOLD
●Samsung GALAXY ZFlip 5G
●Samsung GALAXY ZFlip
●Samsung GALAXY S20
●Samsung GALAXY S20 5G
●Samsung GALAXY S20+
●Samsung GALAXY S20+ 5G
●Samsung GALAXY S20 ULTRA 5G
●Samsung GALAXY NOTE 20 4G
●Samsung GALAXY NOTE 20 5G
●Samsung GALAXY NOTE 20 ULTRA 5G
●Samsung GALAXY Z Flip3 5G
​●Samsung GALAXY Z Fold3 5G
●Huawei Mate 40 Pro
●Huawei P40
●Huawei P40 Pro
●Google Pixel 5
●Google Pixel 4a
●Google Pixel 3
●Google Pixel XL
●Google Pixel 3a XL
●Motorola Razr 5G
●Motorola Razr
●OPPO Reno 6 Pro
●OPPO FIND X3 PRO

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500