cerca

Comune

Vercelli: sarà garantita l'assistenza a scuola ai bambini disabili

Il caso sollevato da una mamma. Novità anche per il pre e post scuola

Scuola

“Sono stata accolta dall’assessore Gianna Baucero e dalla funzionaria Margherita Crosio, che mi hanno rassicurata sull’impegno del Comune a garantire il servizio di assistenza ai disabili nelle scuole”.

Una mamma vercellese nei giorni scorsi si era fatta portavoce di una situazione di disagio da parte di alcuni genitori di bambini “speciali”, in apprensione per l’attivazione delle ore di assistenza per l’autonomia e la comunicazione negli istituti cittadini. La vicenda è finita nel migliore dei modi, con la signora che si è recata in Comune, dove l’assessore e la funzionaria le hanno spiegato l’evoluzione della situazione. “Io sono un'insegnante precaria, e per fortuna, venuta a conoscenza del mio orario, ho visto che mi consentirà di diminuire le ore necessarie alla sua assistenza da 18 a 10 – prosegue la mamma – Inoltre il mio Comune di residenza si è impegnato a trovare i fondi per coprire le ore”.

“Il servizio di assistenza ai disabili nelle scuole è partito come ogni anno, nei tempi previsti – confermano dal Comune di Vercelli - L’Amministrazione sta lavorando sul perfezionamento della gestione di questo servizio, in quanto il numero di ore di assistenza preventivate per i bambini che hanno necessità ‘speciali’ è stato calcolato in base alla necessità dello scorso anno scolastico, ad oggi però la richiesta è raddoppiata, pertanto si cercherà di trovare soluzioni adeguate per soddisfare nel modo migliore possibile le richieste della famiglie degli studenti ‘speciali’”. “Non volevo vantaggi personali, sollevando la questione la mia intenzione era far capire a molti genitori che i nostri bambini ‘speciali’ hanno dei diritti. So di mamme e papà che perdono ore di lavoro, addirittura rischiano di licenziarsi, perché non trovano nessuno che assista i figli – prosegue la donna – E’ purtroppo un problema, che mette in seria difficoltà tante famiglie”.

Una storia a lieto fine di cui ci sentiamo in parte "meritevoli": la mamma infatti giovedì 23 settembre ha chiamato la nostra redazione, chiedendo aiuto. Abbiamo contattato l'assessore Emanuele Pozzolo, e per suo tramite il sindaco Andrea Corsaro, che si è reso disponibile ad interessarsi invitando la signora a recarsi in Comune per le spiegazioni del caso. La mamma, avvisata da noi, ha così potuto immediatamente incontrare l'assessore Baucero e la funzionaria Crosio.

Sul servizio pre e post scuola invece interviene il sindaco Andrea Corsaro: “Siamo soddisfatti perché questo servizio, indispensabile per numerose famiglie vercellesi, è garantito e partirà a breve – dichiara - Abbiamo lavorato d’intesa con dirigenti scolastici e superato tutte le difficoltà di organizzazione degli spazi che questo periodo di pandemia impone”.  Alla scadenza dei termini d’iscrizione per i servizi di pre e post scuola, tenuto conto del numero delle iscrizioni, è stata fatta un’analisi degli spazi a disposizione, per organizzare al meglio la gestione degli stessi, al fine di renderli idonei al servizio per i bambini, in base alla vigente normativa anti-contagio. “Le famiglie hanno un assoluto bisogno di questo servizio – spiega l’assessore all’Istruzione Gianna Baucero – conosciamo la necessità di sostenere ed agevolare quei genitori che per motivi familiari o di lavoro devono poter contare sulla custodia dei loro figli minorenni, non solo durante le ore di lezione, ed abbiamo lavorato proprio in questa direzione”.

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500