cerca

Conferenza della Regione

Piemonte: che cosa cambia per scuola e trasporti

Test gratuiti, aumento delle corse e screening per il personale

Conferenza scuola sicura

Un momento della conferenza in Regione

Saranno 140 a settimana le corse aggiuntive nel Vercellese stabilite dalla Regione a partire dal 13 settembre, giorno del rientro a scuola in presenza al 100%.

Lo ha comunicato il presidente Alberto Cirio, che ha spiegato come la Regione investirà circa 950 mila euro a settimana per aumentare il numero di corse, dal momento che il carico dei mezzi di trasporto sarà limitato all’80% della capienza indicata sul libretto di circolazione. Ad esempio: sugli autobus extraurbani (capacità di carico 75 posti, di cui 49 posti a sedere e 26 in piedi) potranno salire 60 persone (49 seduti e 11 in piedi); su un bus urbano con 153 posti (28 a sedere più 125 in piedi) potranno essere prese a bordo 122 persone (28 sedute e 94 in piedi). In totale verranno attivate 5.353 corse aggiuntive di autobus in Piemonte e 174 di autobus e treni aggiuntive al servizio ferroviario a settimana.

L’occasione è servita anche per fare il punto sulla vaccinazione del personale scolastico in Regione: su un totale di 127 mila addetti, sono stati 117.300 gli aderenti (oltre il 92%): 114 mila (il 90%) hanno ricevuto almeno una dose e 99.400 (il 78%) hanno completato il ciclo vaccinale, mentre 122 non possono essere vaccinati per motivi sanitari. Nella fascia 12-19 anni sono 185 mila su 311 mila gli aderenti alla campagna, pari al 60%: di questi, 80 mila hanno già completato il ciclo vaccinale. In poco più di un mese sono stati 60 mila (a Vercelli oltre 2100) gli adolescenti che si sono presentati alle iniziative ad accesso diretto. Nel progetto “ripartenza sicura”, dal 6 al 19 settembre, ci sarà la possibilità di accesso diretto e gratuito agli “hotspot” che verranno indicati dalla Regione lunedì 6 settembre per sottoporsi ad un tampone antigenico rapido o molecolare riservato agli studenti dai 6 ai 19 anni, al personale scolastico docente e non docente, agli autisti e controllori del trasporto scolastico locale. Verrà anche attivato un programma di screening su base volontaria, gratuito e a cadenza quindicinale, rivolto al personale docente e non di ogni ordine e grado. Uno screening volontario (naturalmente per i minori servirà il permesso dei genitori) è previsto quindicinalmente per i bambini delle elementari (test salivare) e mensilmente per quelli delle medie (test salivare, antigenico o molecolare). Riguardo alla sospensione dei sanitari, l’assessore Icardi ha spiegato che “c’è una legge e va rispettata, ma si pone anche il problema della potenziale chiusura di alcuni reparti, perciò toccherà al Governo trovare una soluzione politica alla questione”.

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500