cerca

Botta e risposta

"Diserbo nei centri urbani: la strategia è la stessa del Comune di Vercelli"

Pozzolo (FdI) e Locarni (Lega) replicano a Sacco e Catricalà (M5S)

Diserbanti

Da una parte Sean Sacco (capogruppo regionale M5S Piemonte) e Michelangelo Catricalà, (Capogruppo M5S Vercelli), dall'altra Emanuele Pozzolo (Fratelli d'Italia) e Gian Carlo Locarni (Lega Salvini Premier). E' botta e risposta sull'approvazione in Consiglio regionale della mozione, a prima firma dello stesso Sacco, che ha come obiettivo lo stop al glifosato ed a tutti i diserbanti chimici pericolosi nei centri abitati. 

"Il documento, votato all'unanimità dall'aula e con parere favorevole espresso dall'assessore all'Agricoltura Marco Protopapa, prevede la messa al bando di qualsiasi formulato chimico pericoloso nei centri urbani, privilegiando il diserbo meccanico o fisico in tutti i casi in cui sia possibile, compresi metodi biologici alternativi - spiegano i rappresentanti del Movimento 5 stelle - L'atto, in particolare, impegna la Giunta regionale ad intervenire per vietare l’uso di prodotti fitosanitari pericolosi in tutte le aree frequentate da gruppi vulnerabili o comunque frequentate dalla popolazione, come ad esempio: parchi e giardini pubblici, campi sportivi, fioriere, vasi e aiuole, piste ed aree ciclabili, aree cani, campeggi, aree sosta camper, orti urbani, percorsi salute, fitness, sentieri natura, alberate stradali, aree cimiteriali, aiuole spartitraffico e rotonde, traversine tram, marciapiedi ecc…". Proseguono Sacco e Catricalà: "Si prevede inoltre la promozione di momenti di formazione ed informazione con gli enti locali, la pubblicizzazione degli interventi di diserbo effettuati dagli enti locali (come il crono programma) e l’introduzione di sanzioni in caso di inosservanza. Dopo il via libera del Consiglio regionale auspichiamo, adesso, un rapido intervento da parte della Giunta regionale affinché si possa dare piena attuazione a quanto previsto".

Replicano Pozzolo e Locarni: "Questo documento, in piena coerenza con quanto dettato dal Piano di Azione Nazionale, prevede il divieto di impiego di qualsiasi formulato chimico pericoloso nelle aree frequentate dai gruppi vulnerabili, privilegiando il diserbo meccanico in tutti i casi in cui sia possibile, compresi i metodi biologici alternativi: insomma esattamente quello che il Comune di Vercelli, già da un anno, ha stabilito e predisposto, dopo attente valutazioni di carattere scientifico e tecnico. Nulla cambia, dunque, rispetto a quanto già discusso e votato in Consiglio Comunale a Vercelli dove, è opportuno ricordarlo, già si vietava l’impiego di formulati a base della sostanza attiva glifosate su tutto il territorio comunale e si limitava l’impiego dei prodotti chimici autorizzati al di fuori delle aree frequentate da gruppi vulnerabili, delle rogge, dei canali e dei pozzi". L'assessore e il presidente del Consiglio comunale commentano: "Siamo molto soddisfatti del fatto che, ad un anno di distanza, la Regione Piemonte - con voto unanime e con il favore anche del Pd e del Movimento 5Stelle - ricalchi di fatto la strategia posta in essere dal nostro Comune per la gestione del verde urbano: tutto questo a dimostrazione di quanto l'operato del sindaco Andrea Corsaro sia improntato ad una pratica concretezza, sempre informata alla tutela della salute pubblica e alla migliore tutela ambientale. Dopo tante parole fuori luogo e troppa mistificazione di carattere ideologico la verità viene finalmente a galla: anche in tema di ecologia, valorizzazione ambiente e tutela della salute pubblica il Comune di Vercelli sta dimostrando, con i fatti, di essere punto di riferimento e precursore in settori fondamentali anche per altri enti territoriali".

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500