cerca

Cgil, Cisl e Uil

Vercelli: presidio dei metalmeccanici davanti alla Prefettura

Si è discusso anche della questione Cerutti

Metalmeccanici Cgil Cisl e Uil

Il presidio davanti alla Prefettura

Presidio dei lavoratori del settore metalmeccanico questa mattina, mercoledì 17 marzo, davanti alla Prefettura di Vercelli.

Presidio metalmeccanici

L'iniziativa, organizzata in forma unitaria da Cgil Vercelli Valsesia, Cisl Piemonte Orientale e Uil Biella Vercelli, era finalizzata a sottolineare le gravi difficoltà del comparto alle istituzioni. In particolare per quanto riguarda la crisi della Cerutti, ma non solo. Erano presenti i segretari dei sindacati del territorio, ovvero Valter Bossoni (Cgil), Roberto Bompan (Cisl) e Maria Cristina Mosca (Uil); con loro, i referenti dei metalmeccanici: Ivan Terranova per la Fiom, Sergio Mazzola per la Fim e Francesco Maschera per la Uilm. I sindacalisti, prima di salire dal prefetto Francesco Garsia, hanno avuto un confronto con il parlamentare valsesiano Paolo Tiramani, con il presidente della Provincia di Vercelli Eraldo Botta e con gli assessori cittadini Ombretta Olivetti e Maurizio Tascini.

Presidio metalmeccanici

Bossoni spiega che "con gli esponenti politici abbiamo parlato della questione Cerutti e del fatto che la newco non ha gambe per poter proseguire (proprio oggi era in programma anche l'incontro con i curatori fallimentari per il futuro dell'azienda, ndr). In un discorso più ampio abbiamo poi esposto le altre criticità del territorio nel settore, evidenziando che a nostro parere è necessario intervenire per tutelare l'occupazione anche sfruttando le possibilità del Recovery Plan. La nostra è una zona che arriva da anni di declino". "Dal prefetto siamo entrati più nel dettaglio della crisi Cerutti e del bisogno di salvaguardare quei posti di lavoro e di continuare a garantire gli ammortizzatori sociali - aggiunge Bossoni - In ottica generale poi abbiamo riportato i numeri del 2020, tra cassa integrazione e occupazione spesso precaria. Il problema occupazionale è cogente e la fine del blocco dei licenziamenti sarebbe devastante. Anche la sanità ha bisogno di stabilizzazioni, il personale assunto con l'emergenza Covid serve anche al di fuori dell'emergenza". 

Presidio metalmeccanici

La guida della Cgil vercellese afferma quindi che "a nostro avviso serve costruire una cabina di regia con tutte le associazioni del territorio e le parti datoriali per affrontare la situazione con un'attenzione particolare all'occupazione, in particolare di donne e giovani".

Presidio metalmeccanici

Commenti

Condividi le tue opinioni su La Sesia

Caratteri rimanenti: 1500